Danilo Toninelli e la menzogna sugli applausi a Conte: “Mai visto nulla del genere”. Repubblica: tutti i precedenti

Loading...

“Mai vista una cosa del genere”: questo il commento che l’ex ministro grillino ai Trasporti, Danilo Toninelli, ha fatto in riferimento agli applausi tributati a Giuseppe Conte il giorno dell’addio a Palazzo Chigi. Peccato, però, che non sia vero. Molti altri presidenti del Consiglio hanno ricevuto lo stesso identico applauso, da Romano Prodi a Massimo D’Alema, da Giuliano Amato a Silvio Berlusconi. A far notare l’errore è La Repubblica, che scrive: “Con la stessa puntualità del miracolo di San Gennaro, il sorprendente prodigio del battimani nel cortile si ripete nel preciso momento in cui un presidente del Consiglio scende le scale per l’ultima volta. Ma il fatto davvero più straordinario è che ogni volta, puntualmente, c’è qualcuno che commenta: ‘Mai vista una cosa del genere'”.

Loading...

Il quotidiano, in particolare, ha ricordato tutti i momenti in cui altri premier uscenti hanno ricevuto ogni volta gli stessi applausi. “Mentre stava salendo in auto, c’è stato l’inatteso e lungo applauso di funzionari ed impiegati che stavano assistendo alla cerimonia dalle finestre. Prodi si è fermato e sorridendo ha ricambiato il saluto”, scriveva l’Ansa nel 1998. Lo stesso accadde nel 2000 con D’Alema e nel 2001 con Amato. Prodi, tra l’altro, ricevette l’applauso anche alla fine della sua seconda esperienza a Chigi.

Per non dimenticare, poi, l’addio del leader di Forza Italia nel 2011. Allora l’Ansa scriveva: “Berlusconi lascia Palazzo Chigi salutato dal picchetto d’onore, tra gli applausi dei dipendenti del Palazzo”. La stessa identica scena si è ripetuta successivamente anche con Enrico Letta, Matteo Renzi e il predecessore del Conte I. “A Paolo Gentiloni i dipendenti di Palazzo Chigi presenti nel cortile o affacciati alle finestre hanno tributato un applauso di saluto”: così l’Ansa tre anni fa. La “scena mai vista” di cui parla Danilo Toninelli, quindi, non è affatto inedita, si è ripetuta in passato moltissime volte. 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.