In cinque prendono a catenate due militanti di FdI a Torino. I ragazzi sono ora in ospedale (video)

Loading...

Ancora un’aggressione contro FdI a Torino. Catenate, calci e pugni. Con una furia indescrivibile un gruppo di cinque “bravi ragazzi” antifascisti ha aggredito a Torino due militanti di Fratelli d’Italia che stavano raccogliendo firme e distribuendo volantini in piazza Foroni. Prima gli aggressori hanno cercato di ribaltare il banchetto, poi di rubare le bandiere. Quindi sono passati alle vie di fatto, provocando lesioni ai due militanti, che ora si trovano ricoverati al San Giovanni Bosco.

Loading...

Nell’ultimo periodo una lunga serie di aggressioni a Torino contro FdI

“Questa di oggi – raccontano Enrico Forzese e Paola Ambrogio di Fratelli d’Italia – è l’ennesima di un’innumerevole serie di aggressioni che i nostri militanti hanno subito nell’ultimo periodo. La tensione politica a Torino ha raggiunto vette intollerabili. È impensabile che la presenza di antagonisti e centri sociali renda impossibile svolgere qualsiasi attività politica in ogni zona della città senza mettere in pericolo la nostra incolumità fisica.” attacca Enrico Forzese di Fratelli d’Italia.

Si aspetta forse la morte di qualcuno per prendere una decisione?

“È inaccettabile – continuano – che le istituzioni cittadine siano ancora disposte a tollerare sul territorio la presenza di realtà criminali e terroriste che impiegano metodi di estrema violenza per zittire gli avversari politici. Il sindaco Appendino e tutti gli esponenti politici torinesi aspettano forse la morte di qualcuno per prendere una netta posizione?”

FdI: pretendiamo da sindaco e istituzioni cittadine una netta presa di posizione

“Non siamo più in nessuna misura disposti a tollerare questa situazione. Pretendiamo da parte del sindaco e di tutte le istituzioni cittadine una presa di posizione netta e immediata – concludono i due dirigenti –  e che vengano presi provvedimenti repentini per estirpare da Torino il cancro di violenza e intolleranza rappresentato dai centri sociali.”

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.