Lady Mastella: Bonafede come Dracula, o corregge il tiro o non avrà la mia fiducia

Loading...

Lady Mastella, la senatrice Sandra Lonardo, ha molti dubbi sul ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Ed è arrabbiata con Luigi Di Maio. Quest’ultimo ha detto che il voto sulla relazione di Bonafede è un voto sul governo. E Sandra Lonardo non ci sta.

Lonardo su Bonafede: non accetto i Dracula dei diritti soggettivi

E afferma: “Di Maio non aiuta il governo Conte. Vuole i voti per continuare a fare il ministro degli Esteri, ma, poi, con arroganza, richiede una obbedienza cieca ed assoluta alla linea ultragiustizialista del suo collega Bonafede. Il nesso fiducia al governo, e quindi fiducia a Bonafede, per quanto mi riguarda, lo escludo. Lui dichiara che ‘loro non sono donatori di sangue sulla prescrizione’. Molti di noi non possono di certo accettare i ‘Dracula‘ dei diritti soggettivi“.

Loading...

“Noi siamo per un umanesimo giudiziario”

“Noi -aggiunge- siamo per un umanesimo giudiziario che non si concilia con la eliminazione della prescrizione e tempi eterni del processo. Chi, come me, in questa eternità infernale ci è, suo malgrado, precipitata, non può approvare i teoremi dei 5 Stelle. Posso passare sopra alle derisioni malevoli di Grillo e dei suoi all’epoca delle mie vicende ingiuste, che misero fuori gioco il ministro della Giustizia e tutto il partito dell’Udeur; e questo perché ritengo assurda una crisi di governo in questo momento e perché ritengo il presidente Conte capace di farci uscire dal labirinto in cui ci troviamo. Ma abbassare la testa e fare violenza ai miei valori, questo no”.

Sandra Lonardo detta le condizioni per la fiducia a Bonafede

“Ciò che chiediamo al ministro della Giustizia -conclude Lonardo- è una sintesi tra garanzie costituzionali a tutela della libertà dei cittadini ed un’azione penale efficace e tempestiva. Solo investendo risorse adeguate in un settore nevralgico come la giustizia si possono creare le condizioni di efficienza della risposta dello Stato e di certezza del diritto. Non vogliamo più vedere frustrata la vita delle persone dall’irragionevole durata dei processi. Chiediamo garanzie su tutto questo”.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.