Iraq, il comandante delle Brigate Babilonesi rivela: “Soleimani difese i cristiani”

Loading...

 Pochi giorni dopo il primo anniversario dell’uccisione del generale iraniano Qassem Soleimani, arriva un’importante rivelazione: “Soleimani era con i cristiani quando invece l’amministrazione americana li aveva abbandonati”. A dirlo è Ryan Chaldean, politico molto carismatico e comandante delle Brigate Babilonesi – brigate cristiane parte delle Unità di mobilitazione popolare irachene – in una recente intervista, pubblicata in arabo sul suo profilo Twitter.

Loading...

“Soleimani ci ha chiesto di proteggere i cristiani”

Nel video il comandante delle Brigate Babilonesi ha poi dichiarato che i due martiri, il generale iraniano Qassem Soleimani e il generale iracheno Abu Mahdi al-Muhandis, hanno contribuito ad armare e addestrare i cristiani iracheni a difendere le loro terre e le loro case. “Soleimani non ci ha chiesto di fare nulla – ha evidenziato nel suo discorso Ryan Chaldean – Ci ha chiesto però una cosa: proteggere i cristiani, proteggere i musulmani, preservare Ninive e la pianura di Ninive“. Ninive è una delle più famose  e antiche città irachene, capitale del regno assiro sita vicina a Mosul sulla riva sinistra del Tigri, nel nord della Mesopotamia. Nel 2015 l’antica città venne in parte distrutta e trafugata dai suoi reperti, ler mano dell’odio iconoclasta dell’Isis. Anche grazie alla protezione delle Brigate Babilonesi, dal 2019 Ninive ospita una missione archeologica italo-irachena diretta dal prof. Nicolò Marchetti dell’Università di Bologna.

Iraq, le Brigate Babilonesi e le sanzioni Usa

Nel corso della sua intervista infatti, Ryan Chaldean ha poi confermato che il martire Abu Mahdi al-Muhandis “è stato colui che ha costituito le Brigate Babilonesi per combattere contro l’Isis e liberare le nostre regioni”. La formazione militare babilonese in seguito è diventata la 50° brigata all’interno delle forze di mobilitazione popolare. Per quanto concerne l’inserimento delle Brigate Babilonesi nell’elenco delle sanzioni statunitensi, nel suo video Chaldean ha rivelato che ciò è avvenuto dopo aver rifiutato di ritirarsi dalla mobilitazione popolare e dall’asse della resistenza, ribadendo di essere orgoglioso delle sanzioni ricevute dagli USA nei confronti di chi “porta le armi solo per difendere la propria terra e la sua componente cristiana”.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.