Scuole, aziende e negozi: da gennaio orari diversi. Ecco il piano definitivo

Loading...

Se la scuola potrà ripartire il 7 gennaio, c’è il piano di rientro. Elaborato da qualche giorno, è stato presentato dal prefetto di Milano Renato Saccone e dal sindaco Beppe Sala. L’obiettivo è il rientro in classe in sicurezza per gli studenti e, contemporaneamente, il buon funzionamento della città. Il piano è stato condiviso dalle aziende, dai gestori del trasporto, dal commercio, dagli ordini professionali e dai sindacati. Si tratta di “adattare” gli orari della città in modo da consentire la ripartenza scolastica senza compromettere il resto, e in particolare senza congestionare la città e i mezzi pubblici.

Loading...

Occhi puntati sulla fascia oraria 7-10 del mattino, la più congestionata della giornata milanese “tipica”. Si è stabilito che il 7 gennaio entrerà a scuola entro le 8 del mattino il 40% degli studenti, entro le 9.30 il 10%. Si punta poi a far tornare in classe il 75% degli studenti, con un 25% che a rotazione resterà a casa.

Apriranno invece dopo le 9.30 i servizi pubblici su appuntamento, così come anche i servizi bancari, assicurativi e finanziari, mentre i negozi apriranno alle 10.15 escluse edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie. Entro le 8, qundi in anticipo sulle scuole, apriranno le attività produttive del manifatturiero; le altre aziende dopo le 9.30. I professionisti e le università apriranno, infine, alle 10. 

In questo modo si punta a far spostare commercianti, clienti e utenti solo dopo che si sono “mossi” studenti e insegnanti. Il patto intende promuovere, sia presso le aziende sia nel settore pubblico, una sempre più attenta valutazione sull’uso ottimale dello smart working.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.