Nasce il partito gay. Il portavoce Marrazzo: «I nostri nemici? Salvini e la Meloni»

Loading...


Il partito gay non è più un tabù e molto più presto di quanto si immagini, andrà probabilmente ad infoltire le spoglie schiere del centrosinistra. «Oltre il 12,8 per cento della popolazione italiana appartiene alla comunità gay», puntualizza Fabrizio Marrazzo, ingegnere e nome storico dell’attivismo omosessuale. «Un partito come il nostro – azzarda – potrebbe avere un risultato che va dal 6 al 15 per cento». Il neonato partito Gay parla all’intero universo Lgbt e punta in alto. È sempre Marrazzo ad annunciarlo: «Saremo in campo già alle elezioni amministrative della prossima primavera. Saremo decisivi nei ballottaggi e i futuri sindaci non potranno ignorare le nostre istanze».

Loading...

Il partito gay correrà alle amministrative

Il portavoce del Gay Center galoppa con la fantasia, ma ha pochi dubbi. «Un voto al partito Gay – sottolinea – non è un voto perso ma è un voto per i diritti. Siamo un partito aperto, chiunque voglia entrare, noi saremo disponibili». Tutti tutti? Non proprio. Giorgia Meloni e Matteo Salvini restano indesiderabili. Ai due leader Marrazzo imputa «una velata omofobia». Sarà. In ogni caso, taglia corto: «Impossibile allearsi con loro». C’è già anche il simbolo. Ha un scritta rosa e viola e foglie colorate. Il resto è la solita gnagnera su a base di diritti gender, solidarietà, ambientalismo, società aperta.

Il Pd vittima designata

Tutte questioni già abbondantemente presenti nel dibattito pubblico e già oggetto di intervento normativo. Il governo Renzi, ad esempio, tenne sotto chiave il Parlamento fino a quando non licenziò la legge sulle unioni civili. Il partito non nasce quindi per eliminare discriminazioni, oggi inesistenti, ma per ritagliarsi un posto al sole. In termini elettorali se ne dovrà preoccupare soprattutto il Pd, da tempo maggiore beneficiario del voto gay, ma anche il M5S. In proposito Marrazzo fa già squillare le trombe. «Noi Lgbt – annuncia – non possiamo più delegare le nostre istanze a terzi e allo stesso tempo possiamo essere una forza propositiva per il Paese». Il compagno Zingaretti è avvisato.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.