Immigrazione, fa salire il figlio sul barcone: muore annegato a 6 anni. Arrestato il padre: in Grecia, una sentenza senza precedenti

Loading...

Un bambino di 6 anni è morto annegato nel corso della traversata dalla Turchia alla Grecia. Insieme al padre, che lo aveva portato sul barcone, stava cercando di raggiungere Samos, per richiedere asilo. E una volta arrivati, il padre è stato arrestato dalle autorità greche con l’accusa di aver messo il figlio in pericolo di vita; arrestato, ovviamente, anche lo scafista dell’imbarcazione. Una decisione che non ha precedenti, destinata certo a far discutere. Il gommone su cui padre e figlio erano salpati per il viaggio della speranza, insieme ad altre 22 persone, è affondato a Samos lo scorso 8 novembre, soltanto 17 i superstiti. Una volta arrivato in Grecia, il padre ha disperatamente chiesto aiuto per ritrovare il piccolo, il cui corpo è emerso soltanto il mattino successivo, quando non c’era più nulla da fare. Dunque, l’arresto: l’uomo, 25 anni, ora rischia fino a sei anni di carcere. A difenderlo un avvocato della ong “Still I Rise”, che accusa il ritardo dei soccorsi, che sarebbero partiti sei ore dopo la richiesta d’aiuto inviata alla guardia costiera.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.