Neonato dichiarato morto si risveglia dopo 6 ore in cella frigorifera

Loading...

Un neonato messicano recentemente dichiarato morto ha sorpreso medici, genitori e addetti alle pompe funebri dando clamorosamente segni di vita dopo avere trascorso ben sei ore in obitorio, all’interno di una cella frigorifera.

L’episodio in questione, in base a quanto riportano le testate locali, risalirebbe a mercoledì e si sarebbe verificato nello Stato federato di Puebla, nel sud del Paese. La struttura sanitaria dove avrebbe avuto luogo il miracoloso risveglio del piccolo dichiarato deceduto sarebbe lo Hospital General No. 20, amministrato dall’ente governativo Instituto Mexicano del Seguro Social (IMSS).

Il neonato era nato prematuro dopo una gravidanza di sole 23 settimane e, una volta venuto alla luce, non sembrava dare segni di vita, inducendo di conseguenza il personale sanitario a dichiararlo deceduto intorno alle 4.29 del mattino.

Una volta attestata la morte del piccolo, gli infermieri della struttura hanno provveduto a deporre il corpicino del bebè all’interno della cella frigorifera dell’obitorio ospedaliero, in attesa che l’agenzia di pompe funebri arrivasse per portare via il cadavere.

Lasciato il corpo del neonato nella cella di ibernazione, gli addetti all’obitorio, dopo circa 6 ore, hanno effettuato una scioccante scoperta. Osservando, intorno alle 10 del mattino, la cella in cui era stato deposto il piccolo, gli stessi hanno appunto notato che il bimbo dichiarato morto “si muoveva”. Ad assistere a questa incredibile scena sono stati anche alcuni impiegati di un’agenzia di pompe funebri, appena giunti allora all’obitorio per trasportare via il corpo del bambino.

Loading...

Uno di questi, Miguel Angel Flores, ha successivamente descritto con le seguenti parole la clamorosa situazione palesatasi davanti agli occhi in quel momento: “Quando siamo arrivati, ci siamo resi conto che piangeva e si muoveva. Abbiamo chiamato il padre e anche lui ha visto che il bambino piangeva. Siamo corsi a chiamare il medico che aveva firmato il certificato di morte. Non riesco a credere che non sia morto lì dentro, non ho mai vissuto un’esperienza del genere”.

Lo stupore delle persone che si trovavano in quegli attimi davanti alla cella frigorifera in cui il neonato in questione sorprendentemente si muoveva è stato contestualmente ripreso da una videocamera, con conseguente realizzazione di un video che sta attualmente impazzando su Internet.

Nella ripresa citata si nota il piccolo, infreddolito ma vivo, avvolto in un lenzuolo e il padre che, entusiasta, ripete: “E’ vivo, sta piangendo, è vivo”.

Sul perché un neonato ancora vivo sia stato dichiarato frettolosamente deceduto è stata di conseguenza aperta un’inchiesta, in merito alle presunte responsabilità e negligenze del personale sanitario di quell’ospedale, da parte dell’ente pubblico IMSS.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.