Prima diffama, poi non paga: così l’Anpi elude la giustizia

Loading...

A marzo l’Anpi è stata condannata per diffamazione aggravata per aver paragonato un’iniziativa della onlus anti-pedofilia La Caramella Buona al “modello SS”.

E oggi, a sette mesi di distanza dalla sentenza del tribunale di Reggio Emilia, l’Associazione nazionale dei partigiani d’Italia non ha ancora versato il risarcimento di venti mila euro all’organizzazione non-profit, sostenendo di non avere in cassa i soldi per pagare l’indennizzo.

Tutto ha inizio cinque anni fa, quando l’onlus fondata e presieduta da Roberto Mirabile organizzò a Milano un evento di beneficenza insieme a Branca Comunitaria (dell’associazione di destra Lealtà Azione). L’iniziativa a tutela dei bambini e dedicata al contrasto della pedofilia e al sostegno delle vittime, finì nel mirino dell’Anpi, che vergò comunicati al veleno per attaccare la manifestazione. I partigiani definirono l’iniziativa “modello SS”, scrivendo che “dietro alla Caramella Buona si nascondono gruppi di estrema destra […] dietro un’iniziativa si celano i neofascisti, la cui ideologia si pone in aperto contrasto con i principi sanciti dalla Costituzione Repubblicana nata dalla Resistenza e con le leggi Scelba e Mancino”. E ancora: “Chiediamo l’intervento delle istituzioni cittadine perché venga impedita questa ulteriore offesa. Le uniche caramelle buone sono quelle antifasciste. Dice il proverbio: mai accettare caramelle dagli sconosciuti. Anche dai nazifascisti”.

Loading...

La onlus presentò denuncia e questa primavera il giudice le ha dato ragione, condannando per diffamazione aggravata l’Anpi per “l’indubbia portata lesiva dell’immagine, dell’onore e della reputazione della Caramella Buona”. “Finalmente inizia ad essere chiaro che nessuno può permettersi di diffamare impunemente e che non è consentito arrogarsi il diritto di dare patenti di democraticità ad altri. Bisogna fare attenzione all’uso delle parole, soprattutto quando sono ingiustamente rivolte a chi si batte ogni giorno, da ventitré anni, per i bambini vittime di violenze, come fa La Caramella Buona”, il commento alla sentenza di Monica Nassisi, legale dell’onlus anti-pedofilia.La presidente Sardina e di origini tunisine. Ecco l’Anpi senza più partigiani

L’Associazione dei partigiani avrebbe dovuto corrispondere alla Caramella Buona un risarcimento pari a venti mila euro ma in questi sette mesi l’onlus non ha ancora visto un euro. E sapete perché? Come rende noto Libero, l’Anpi ha fatto ricorso alla Corte di Appello di Bologna chiedendo la sospensione della condanna, dicendosi impossibilitata a pagare la somma richiesta. “L’esecuzione della sentenza impugnata impedirebbe materialmente alla appellante la possibilità di continuare a perseguirei propri fini statutari”, sostiene infatti l’avvocato dei partigiani i. Il che è un po’ strano, visto che tra donazioni e contributi annuali, l’Anpi incassa un bel gruzzoletto (probabilmente a sei zeri).

“Gli ex partigiani si ergono a difensori della legalità e della Costituzione, ma sono i primi a non rispettare quanto stabilisce la legge, cioè che le pene vanno scontate. Pertanto dico loro: pagate e vergognatevi. E almeno stavolta versate i vostri soldi per una causa nobile, cioè aiutare i bambini tutelati dalla nostra associazione”, lo sfogo di Roberto Mirabile, presidente della Caramella Buona, che chiede giustizia.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.