Orrore ad Alessandria, baby gang multietnica massacra un ragazzino a calci (Video)

Loading...

Una dozzina di adolescenti contro uno solo, indifeso, a terra. Lo prendono a pugni, calci, gli sputano addosso; l’ultima pedata parte violentissima e finisce in faccia alla vittima – un ragazzino, proprio come suoi carnefici – che ribalta indietro la testa e rimane inerme sul selciato. Sono tanti, alcuni sono con tutta probabilità nordafricani; in sottofondo, la giovanissima voce di chi sta filmando il tutto avverte gli altri in francese, lingua spesso usata dai magrebini: «La police, la police!».

Loading...

Non siamo in una banlieue parigina ma in corso Roma, la via principale del centro di Alessandria, dove, stando a quanto riportato ieri dalle cronache locali, una baby gang multietnica ha aggredito due persone nell’ultimo sabato di luglio. Il video è uscito solo ora ed è stato subito diffuso su Twitter dal sito Radio Savana. Scene di una violenza bestiale, aggravata dalla giovanissima età di chi ha compiuto l’aggressione – 15, 16 anni al massimo. Per la vittima, ovviamente, i vari Berizzi, Lerner, Ferragni non sprecheranno pistolotti sulla “cultura fascista sistemica” che permea questo tipo di aggressioni; per gli adolescenti della baby gang probabilmente sarà già preconfezionata la scusa della mancata integrazione, sempre per colpa degli italiani che seminano odio e guardano con sospetto lo straniero. Nessuno ha difeso la vittima del branco. Sui fatti sta indagando la Polizia Giudiziaria della Municipale che, contattata dalla stampa, ha mantenuto il più stretto riserbo.https://platform.twitter.com/embed/index.html?dnt=true&embedId=twitter-widget-0&frame=false&hideCard=false&hideThread=false&id=1306204215795216390&lang=it&origin=https%3A%2F%2Fwww.ilprimatonazionale.it%2Fcronaca%2Forrore-ad-alessandria-baby-gang-multietnica-massacra-un-ragazzino-a-calci-video-168010%2F&theme=light&widgetsVersion=219d021%3A1598982042171&width=550px

Cristina Gauri

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.