Orrore a Salsomaggiore: marocchino di 17 anni getta a terra una novantenne e la stupra

Loading...

Orrore in provincia di Parma. Un 17enne marocchino si è introdotto all’interno della casa di una donna novantenne. Ha tentato di rapinarla, l’ha aggredita e gettata a terra. Infine l’ha stuprata. La vicenda è avvenuta a Salsomaggiore Terme. La donna si trovava in giardino. Il giovane pensando di avere campo libero ne ha approfittato per entrare nell’appartamento e tentare di arraffare qualcosa. Ma quando la signora è rientrata in casa si è consumata la tragedia. Come ricostruisce il Giornale, lei lo ha colto sul fatto, ha gridato spaventata e lui l’ha violentata. Le urla della donna hanno attirato un vicino che si è precipitato ad aiutarla mentre l’aggressore si dava alla fuga. L’uomo ha la prontezza di spirito di scattargli una fotografia prima di chiamare il 112.

Loading...

Marocchino  stupra una novantenne, la vicenda

Sul posto sono arrivati i carabinieri. Il giovane è noto alle forze dell’ordine e non ci voluto molto per riconoscerlo. La caccia è scattata subito. Il minorenne è stato trovato il giorno dopo in compagnia di alcuni amici, estranei ai fatti. I carabinieri lo hanno sottoposto a fermo come indiziato di reato. Le accuse sono violenza sessuale e tentata rapina aggravata.  In caserma il 17enne prima ha negato i fatti, poi ha iniziato a fare qualche ammissione parziale confessando il furto ma non lo stupro. Infine ha ammesso le sue responsabilità. Come si legge ancora sul Giornale, tra gli indizi i militari hanno raccolto una bicicletta abbandonata sul cui manubrio sono state trovate le impronte dell’aggressore. E poi c’è quella foto scattata dal testimone. Quando i carabinieri lo hanno fermato, il 17enne marocchino aveva ancora addosso gli stessi abiti con cui aveva stuprato la novantenne.

Il caso di Torino

Purtroppo sono sempre più frequenti i casi di violenze. Due giorni fa un immigrato marocchino a Torino ha tentato di rapinare una donna disabile. Le ha provocato un trauma cranico e contusioni multiple.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.