Nave trasformata in discoteca, clandestini in festa a spese degli italiani. Il web in rivolta (video)

Loading...

Navi-discoteca e clandestini che si sollazzano a nostre spese lanciandosi in balli e canti. Sui migranti, cominciano ad essere “curiose” le cose che governo e tv evitano accuratamente di mostrare e commentare. Tra le tante, ecco le segnalazioni postate su Twitter dal sito RadioSavana sulle navi trasformate in discoteche galleggianti a cielo aperto. Sui trafficanti della Sea Watch 4 che scaricano 350 migranti africani in Italia, poi trasferiti sulla nave “Allegra” per una crociera da sogno nel lusso più sfrenato. Sui cori intonati quando il porto siciliano è già in vista. Ecco allora nei video postati a piè di pagina giusto qualche esempio su come gli immigrati “disperati” si intrattengono prima dello sbarco. E tutto a spese degli italiani che faticano ad arrivare a fine mese…

Navi trasformate in discoteca e clandestini che si sollazzano in balli e canti

Dalla “discoteche” aperta sulla nave quarantena Azzurra al video tour sulla Allegra per una confortante crociera, apssando per il coro di felicità intonato tra le placide acque nei pressi delle coste siciliane: i migranti si sollazzano e si intrattengono come possono, a nostre spese, tra canti e danze. E il web si scatena e s’interroga sulla beffa: «Ma sono questi i poverini che scappano da guerra e fame? Grandissima presa per il c…o». Già, perché proprio il tema mighranti spacca l’opinione pubblica e inasprisce i toni della politica. La Sicilia è al collasso. L’Italia allo stremo. Ma ora al danno delle nostre isole e delle nostre città, ridotte a centro d’accoglienza d’Europa, si aggiunge anche la beffa inferta ai cittadini con la complicità silente del governo. Già, perché le immagini che arrivano da quello che dovrebbe essere una sorta di ultima spiaggia. Di ospedale da campo. Di fuga disperata, fanno rabbrividire.

Loading...

I social raccolgono l’indignazione degli utenti: «Che beffa. Tutto a nostre spese»?

E non solo perché, come segnalato già in diversi video nei giorni scorsi, i cosiddetti profughi in fuga da presunte guerre e carestie si immortalano in selfie e filmini in versione turistica, con smartphone e tablet di ultima generazione e scintillanti braccialetti e catenine d’oro. Ma perché, come documenta la pagina Twitter di RadioSavana, su quella che dovrebbe essere una nave quarantena, la Azzura, i clandestini africani si riprendono a ballare, cantare e divertirsi. E l’imbarcazione gremita di migranti trasformata in una discoteca a cielo aperto, suona come una grande presa in giro: pericolosa (dal punto di vista sanitario). Gravosa dal punto di vista economica (la manutenzione di ognuno di loro ricade sulle spalle dei poveri contribuenti italiani). Irriverente dal punto di sociale… E non serve aggiungere altro.

I video postati sulla pagina Twitter di RadioSavanahttps://platform.twitter.com/embed/index.html?dnt=false&embedId=twitter-widget-0&frame=false&hideCard=false&hideThread=false&id=1302164171258318848&lang=it&origin=https%3A%2F%2Fwww.secoloditalia.it%2F2020%2F09%2Fnave-trasformata-in-discoteca-clandestini-in-festa-a-spese-degli-italiani-il-web-in-rivolta-video%2F&theme=light&widgetsVersion=219d021%3A1598982042171&width=550pxhttps://platform.twitter.com/embed/index.html?dnt=false&embedId=twitter-widget-1&frame=false&hideCard=false&hideThread=false&id=1301243272531185667&lang=it&origin=https%3A%2F%2Fwww.secoloditalia.it%2F2020%2F09%2Fnave-trasformata-in-discoteca-clandestini-in-festa-a-spese-degli-italiani-il-web-in-rivolta-video%2F&theme=light&widgetsVersion=219d021%3A1598982042171&width=550pxhttps://platform.twitter.com/embed/index.html?dnt=false&embedId=twitter-widget-2&frame=false&hideCard=false&hideThread=false&id=1301180968116592641&lang=it&origin=https%3A%2F%2Fwww.secoloditalia.it%2F2020%2F09%2Fnave-trasformata-in-discoteca-clandestini-in-festa-a-spese-degli-italiani-il-web-in-rivolta-video%2F&theme=light&widgetsVersion=219d021%3A1598982042171&width=550px

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.