M5s allo sbando, Stefano Buffagni contro Beppe Grillo: “La ricandidatura della Raggi? Quando deroghi a una regola la cancelli”

Loading...

Il Movimento 5 Stelle nel caos. Il voto su Rousseau, dopo la ricandidatura di Virginia Raggi, in merito al doppio mandato e all’alleanza con i partiti tradizionali smuove le acque grilline. C’è già infatti chi parla di “rivoluzione di Ferragosto”. Tra i più infuriati c’è Stefano Buffagni che addirittura cita una frase di Gianroberto Casaleggio, quasi a voler sottolineare il tradimento: “Ogni volta che deroghi ad una regola la cancelli”, tuona per poi proseguire: “Mandati o alleanze non sono temi da Ferragosto”. Postilla finale del viceministro dello Sviluppo economico: “O si inizia a discutere seriamente di futuro del Movimento e del Paese, oppure è solo un revival di 10 piccoli indiani di Agatha Christie. E mi auguro che nessuno dei miei amici del M5S voglia questo”.

Loading...

Di diverso parere Beppe Grillo. Il fondatore, nonostante si definisca fuori dalla politica, non ne fa passare una. L’ultima parola è sempre la sua: “Ho fatto parte di un sogno che si è realizzato del M5S che oggi governa, partendo da un’idea di rete e di un movimento senza sedi, senza tesori, senza soldi partendo proprio dall’idea che la rete è l’intelligenza condivisa”. Ma i bei tempi per Grillo sembrano lontani: “Noi invece ci perdiamo in discorsi completamente inutili, vuoti e senza senso”. Una frecciatina ai riottosi alla Buffagni? Può darsi. Una cosa però è certa: Grillo ha già sostenuto la Raggi nella sua ricandidatura, come ha incontrato Beppe Sala nella speranza, forse, di dar vita a un’alleanza Pd-M5s su Milano.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.