Salvini: “Basta clandestini che rompono le palle”

Loading...

“Basta clandestini che rompono le palle”: sono queste le parole del leader della Lega Matteo Salvini a Massa Carrara nel corso della campagna elettorale di Susanna Ceccardi, candidata del centrodestra per la presidenza della Toscana per le regionali.

Poi il leader del carroccio ha tuonato ancora più forte: “Uno può essere bianco, nero, rosso, giallo, verde, importante è che siano persone per bene, quelli che non voglio più sono i clandestini che rompono le palle. Noi- ha aggiunto- vogliamo turisti che pagano, non pagare gli immigrati”.

Il riferimento di Salvini è alla circostanza che ha visto, soprattutto negli ultimi giorni ed in particolar modo nel sud Italia, l’arrivo quasi più di migranti che di turisti. Il numero degli sbarchi, soprattutto in Sicilia, ha subito un’accelerata con l’aggravante di una situazione sanitaria pericolosa dal momento che, molti di loro, sono risultati positivi al Covid. Oltre agli sbarchi autonomi, in tanti sono riusciti ad arrivare nei porti siciliani attraverso l’intervento delle Ong che, con le loro operazioni vicino la Libia e anche in zona Sar Maltese, hanno ottenuto poi il benestare del Viminale per approdare in Italia.

Il caso Sea Watch

Andando con ordine la prima Ong ad ottenere l’ok per entrare in acque territoriali italiane e da qui, nel porto di Porto Empedocle, è stata la nave tedesca Sea Watch. Quest’ultima ha fatto ingresso nella banchina della Città Marinara il 21 giugno scorso con a bordo 211 migranti recuperati in tre differenti operazioni vicino la Libia. Tutti gli stranieri sono stati trasferiti sulla nave Moby Zazà per trascorrervi la quarantena. Dopo due giorni è scoppiato l’allarme coronavirusun migrante a bordo della nave, dopo aver accusato i sintomi tipici della malattia è stato ricoverato in ospedale e da qui la conferma della positività al virus. Il giorno successivo sono risultati positivi altri 27 migranti e poi altri due per un totale di 30 persone positive. Tutto questo ha reso necessario l’istituzione della zona rossa all’interno della nave quarantena, mentre per la Sea Watch è arrivato l’ordine di rimanere ferma al porto dove l’equipaggio sta trascorrendo la quarantena in attesa di ritornare in missione nel mar Mediterraneo per come preannunciato ufficialmente.

Loading...

Il caso Mare Jonio

Dopo il caso Sea Watch ecco che è esploso quello relativo alla nave italiana Mare Jonio. L’imbarcazione della Mediterranea Saving Humans è tornata nella sua missione in mare il 19 giugno. Il 29 ha recuperato 43 migranti a circa 40 miglia della città libica di Zuara proseguendo il viaggio verso Pozzallo per farli sbarcare. Qui però l’hotspot era al completo con altri ospiti che stavano trascorrendo la quarantena. Allora, dopo un cambio di rotta, la nave italiana si è diretta nel porto di Augusta, dove tutti i migranti sono stati trasferiti successivamente nel centro di accoglienza di Noto. Ed ecco che ancora una volta è esploso l’allarme sanitario: 8 migranti sono risultati positivi al test sul coronavirus. Anche in questo caso per la Mare Jonio l’ordine di osservare il periodo della quarantena nel porto siracusano.

Il caso Ocean Viking e le reazioni del sindaco pentastellato contro il “suo” governo

Maxi arrivo invece a Porto Empedocle con 180 migranti il 6 luglio attraverso l’Ocean Viking dell’Ong francese Sos Mediterranée. La nave, dopo il lockdown, aveva iniziato la sua missione lo scorso 25 giugno ritornando in pieno mar Mediterraneo. Da lì, in diverse operazioni, ha soccorso in totale i 180 migranti iniziando a chiedere un porto sicuro dove farli sbarcare. E le modalità per esercitare pressione mediatica non sono mancate. L’Ong parlava infatti di allarmi a bordo come nervosismo tra i migranti, tentativi di suicidio al punto che il Viminale ha inviato a bordo un team di medici e di psicologi per verificare la situazione ritenuta poi non critica.

Tutto questo è stato però sufficiente a rendere debole il governo nel solito braccio di ferro con gli altri Paesi chiamati ad intervenire: in questo caso la Francia, sede della Sos Mediterranèe e la Norvegia perché la nave ha bandiera norvegese. In questo caso nessuno dei migranti a bordo è risultato positivo al Covid ma l’arrivo dei nuovi ospiti sulla Moby Zazà è bastato a sollevare il malcontento fra i cittadini e la reazione sindaco pentastellato contro gli stessi rappresentanti di governo.

Parole dure e di rabbia quelle del primo cittadino 5Stelle Ida Carmina che ha dato dei “radical chic” al presidente del consiglio Giuseppe Conte e al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese. Uno sfogo di rabbia legato alla situazione che genera allarmismi tra i cittadini e nessuna soluzione in vista. E le Ong sopra citate non si fermeranno qui: torneranno in mare per portare avanti la loro missione. E le preoccupazioni aumentano dal momento che le principali partenze hanno come base la Libia, Stato del Nordafrica dove, come dichiarato su “il Gornale.it”a Mauro Indelicato dal giornalista libico Faraj Aljarih, la situazione epidemiologica sta peggiorando e si attende ancora il picco.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.