Papa Francesco: “Il whisky è la vera acqua santa”. E il Vaticano censura il video

Loading...

Roma, 17 apr – “Ah ma questa è la vera acqua benedetta!”. E’ quanto esclamato da Papa Francesco qualche mese durante un incontro con alcuni giovani seminaristi scozzesi, che ripresero la scena con gli smartphone. L’acqua benedetta a cui scherzosamente si stava riferendo il Papa altro non era che una bottiglia di whisky. Una battuta e nulla più? Sicuramente, ma fatta da un pontefice suona quantomeno stonata, tanto che qualcuno è arrivato ad accusarlo di blasfemia. Ma come, il Santo Padre che definisce il whisky la vera acqua benedetta? L’ironica uscita in effetti non sembra sia piaciuta molto al Vaticano, che infatti ha chiesto al collegio scozzese di censurare il simpatico siparietto.

Loading...

Quel whisky non deve comparire

A riportarlo è il Daily Mirror, che cita la testimonianza del regista di un apposito documentario sul seminario scozzese, Tony Kearney. Pare infatti che il documentarista stesse realizzando un filmato sulla vita di quei giovani seminaristi e intendesse includere la parte con la battuta in questione del Papa. “I ragazzi avevano portato in dono al Papa del whisky perché sapevano che lo avrebbe gradito. Quando ha visto la bottiglia ha sorriso e ha detto: ma questa è la vera acqua santa”. Poi però è arrivato il pronto intervento del Vaticano, che ha imposto il taglio al filmato: quella parte non doveva comparire perché suvvia, il Papa non può… pubblicizzare la marca di un whisky.

“Ma avevamo concordato che l’ufficio stampa del Vaticano sarebbe stato autorizzato ad approvare tutti i nostri filmati prima di trasmetterli. Quindi abbiamo inviato loro i file e quando li hanno rispediti, quella scena era stata tagliata”, ha dichiarato Kearney. “All’inizio eravamo davvero infastiditi, ma hanno insistito sul fatto che non volevano che il Papa fosse visto approvare il whisky”, ha precisato il regista.

Alessandro Della Guglia

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.