Virus, ora frenano i contagi Ma aumentano le vittime

Loading...

Sono oltre 20mila le vittime in Italia. Dopo il calo dei decessi registrato ieri, nelle ultime 24 ore sono morte 566 persone (ieri i decessi sono stati 431) che portano il totale a 20.465.

Si conferma invece il calo del numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva: oggi sono 3.260, 83 meno di ieri. Dopo alcuni, torna ad crescere il dato sui ricoverati con sintomi che hanno raggiunto quota 28.023 persone (+176). Restano alti i numeri dei guariti: oggi si registrano altre 1.224 unità che fanno salire il totale a 35.435 (ieri +1.677).

Ad oggi, ci sono 103.616 i positivi al coronavirus nel Paese con un aumento di 1.363 unità (ieri si erano registrati 1.984 nuovi casi). Dall’inizio della diffusione del coronavirus nel Paese, il numero complessivo dei contagiati (comprese le vittime e i guariti) ha raggiunto quota 159.516 (+3.153 rispetto a ieri). Questi i dati forniti dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli nel corso della conferenza stampa quotidiana sull’emergenza coronavirus.

“Un rallentamento del contagio c’è. Dopo la chiusura totale continua un po’ di trasmissione del virus, questo fa si che la coda dei casi si allunghi. Dobbiamo considerare che il tempo che trascorre fra il momento del contagio e quello della notifica può essere anche di 20 giorni”, ha spiegato il capo dipartimento malattie infettive dell’Iss, Giovanni Rezza. Poi ha aggiunto: “Siamo ancora in fase uno non c’è dubbio. Ci sono segnali positivi ma devono essere consolidati. Bisogna stare ancora molto attenti e seguire le indicazioni”.

Loading...

Lombardia

“I dati di oggi non sono soddisfacenti”, ha spiegato l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, nel corso dell’aggiornamento quotidiano sull’emergenza coronavirus. Dall’inizio della diffusione del virus cinese in Lombardia sono stati registrati 60.314 casi, con 1.262 positivi in più rispetto a ieri quando l’aumento sul giorno precedente era stato di 1.460. I ricoverati sono 12.028, 59 in più rispetto a ieri. In terapia intensiva ci sono 1.143 pazienti, 33 in meno rispetto a ieri. Nelle ultime 24 ore in regione si sono registrati 280 decessi che portano il totale delle vittime a 10.901 (ieri sono state 110): “Ieri speravamo che il dato fosse in riduzione, invece non scende con la determinazione che dovrebbe”, ha commentato l’assessore.

Nella provincia di Bergamo i casi di coronavirus sono arrivati a quota 10.391. Rispetto a ieri, la crescita è di 82 unità. A Brescia invece si sono accertati 100 nuovi casi e il totale è arrivato a 11.058. Nella provincia di Milano si registrano 14.161 positivi, 481 più di ieri quando si erano registrati 412 casi sul giorno precedente: “Un dato che continua a crescere”. In città i casi sono saliti a quota 5.857 (+296, mentre ieri l’incremento era stato di 193).

Lazio

“Oggi registriamo un dato di 123 casi di positività e un trend in frenata al 2,5%. Continua inoltre la forbice tra coloro che escono dalla sorveglianza domiciliare (16.174) e coloro che sono entrati in sorveglianza (12.367)”, ha spiegato l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato. “I guariti – ha continuato – salgono di 25 unità per un totale di 764, mentre i decessi sono stati 5 nelle ultime 24 ore”.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.