Sempre più scontenti dell’Ue: un italiano su due vuole uscirne

Loading...

Roma, 13 apr – Gli italiani sono sempre più scontenti della nostra adesione all’Unione Europea, tanto che ormai quasi un cittadino su due – con percentuali che sembrano in costante e continuo aumento – esprime la convinta opinione di voler abbandonare al suo destino il consesso comunitario. Questo il risultato di due recenti sondaggi condotti e pubblicati nei giorni scorsi, in coincidenza con il picco di tensione a Bruxelles e dintorni – compresa l’umiliazione in sede di Eurogruppo del nostro governo, letteralmente schiacciato dalla potenza di fuoco delle nazioni nordiche – in merito alle infinite (quanto spesso sterili ed improduttive) discussioni sulle strategie, economiche e non, da adottare in comune per combattere l’epidemia di coronavirus.

Loading...

Ue ed euro convincono sempre meno

Il primo sondaggio è stato condotto da Termometro Politico tra l’8 e il 9 aprile scorsi su un campione di 2200 elettori. Alla domanda “lei sarebbe d’accordo nell’uscire dall’euro e dall’Ue” quasi il 40% degli intervistati ha risposto in senso affermativo, il 7,5% crede sia meglio abbandonare solo l’Ue e il 7,7% escluviamente la moneta unica, mantenendo comunque l’adesione all’Unione. Il totale dei cosiddetti “euroscettici”, stando alla rilevazione, si attesta così all’incirca al 55%, poco sotto il 5% si collocano gli indecisi mentre solo 40% ritiene che non si debba uscire né dall’una né dall’altra.

Quasi un italiano su due vuole abbandonare l’Ue

Il secondo sondaggio, su un campione di 1000 elettori, è stato condotto dall’istituto Tecnè fra il 9 e 10 aprile e aveva per oggetto un ipotetico voto ad un referendum sull’Italexit, con risposta sintetica “Sì” o “No”. I risultati parlano – escludendo il 14% di indecisi – di una nazione pressoché spaccata in due, con il 51% che voterebbe per rimanere ed il restante 49% per l’uscita. A pesare, nel quadro, è però la tendenza di medio periodo: rispetto ad un’analoga rilevazione condotta nel novembre 2018, infatti, la prima opzione perde 20 punti percentuali che vengono guadagnati dalla seconda.

Nicola Mattei

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.