Zaia: “Andremo col camper a fare tamponi a tutti. Me ne frego dei soldi”

Loading...

Ricetta Zaia contro il Coronavirus. “Vogliamo fare il tampone a tutti e ci muoveremo anche con un camper per andare da tutti’’. Lo spiega il governatore del Veneto, Luca Zaia, in un’intervista a Radio Anch’io. “Le persone positive asintomatiche devono essere individuate -continua Zaia- perché se vanno in giro contagiano altre persone anche senza saperlo. Quindi dobbiamo isolarlo. Noi siamo in grado di fare 20-25mila tamponi al giorno e avere il risultato in quattro ore’’. Da tempo il governatore del Veneto persegue questa linea.

In un’intervista al Corriere della Sera,  il governatore del Veneto sottolinea ancora meglio: “se non avessimo fatto i tamponi a tutti a Vò ci sarebbe stata una epidemia. Se per assurdo fai il test a una intera popolazione quanto meno hai un’istantanea di chi è necessario isolare”. E spiega: “Magari potessi fare in tutto il Veneto quanto fatto a Vò. Ci limitiamo a ricostruire i contatti di persona trovata positiva e li sottoponiamo a loro volta al tampone. Siamo a quota 40 mila in tutta la Regione: 2.700 positivi asintomatici e ne abbiamo isolato altre 7 mila che hanno avuto contatti con loro”.

Loading...

Zaia: “La strategia dei tamponi ha funzionato”

La strategia dei tamponi a tappeto, del resto,  sembra avere funzionato in Corea del Sud, dove le autorità hanno testato centinaia di migliaia di persone, anche controllando i loro spostamenti tramite i telefonini e la tecnologia satellitare. Zaia viene regolarmente sepolto dalle polemiche da quando si è profilata l’emergenza.  Del resto i governatori del nord avevano visto lungo da subito. Il governatore della Lega almeno per ora respinge le polemiche “con l’autorità centrale e le rivendicazioni di autonomia”. E  a Il Corriere della Sera afferma di voler pagare tutto con i soldi della Regione.

“La vita dei miei concittadini vale più dei soldi”

“Del bilancio mi importa poco – sostiene – vale sempre meno della vita dei miei concittadini. Non mi faccia dire che me ne frego dei soldi, ma insomma ci siamo capiti. Tutto a spese nostre“. E per far fronte alla necessità dei test che “le aziende li distribuiscono con il contagocce”, “noi li facciamo in casa”.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.