Scappa dalla zona rossa per andare sciare, ma si rompe il femore e i medici lo scoprono

Loading...

Padova, 4 mar – Quando si dice la sfortuna. Era fuggito dalla zona rossa del comune di Vò Euganeo per godersi la meritata settimana bianca in Trentino: ma si rompe il femore cadendo sulle piste da sci e i medici scoprono la sua provenienza. Protagonista della vicenda un 50enne, che come riporta l’Adige ha scatenato il panico fra il personale degli ospedali di Cavalese e Trento che temevano l’ipotesi contagio. L’episodio è finito con una segnalazione ai carabinieri e alla Procura.

Con tutta probabilità nessuno si sarebbe mai accorto della sua momentanea sparizione dalla quarantena se non fosse stato portato al pronto soccorso. I guai sono iniziati durante la registrazione dove è emerso che l’uomo – che non presentava sintomi di infezione – abitava nel paese del padovano dove si era registrato il primo morto per coronavirus in Italia, e dove sabato c’erano 77 positivi al tampone sierologico. 

Loading...

Apriti cielo: subito sono scattati gli accertamenti d’urgenza e il trasferimento a Trento per l’intervento alla gamba. Il paziente veneto, sempre osservando una rigida profilassi, è stato portato in ortopedia dove è stato sottoposto ad un intervento chirurgico. Il tampone per coronavirus dell’uomo è risultato fortunatamente negativo. Durante il ricovero, il personale sanitario ha adottato tutte le precauzioni necessarie.

Per tre giorni il fuggitivo è rimasto infatti ricoverato in una stanza singola, isolato dal resto dei pazienti della struttura; solo il personale munito di camice monouso, guanti, mascherina, occhiali aveva accesso alla camera. Dopo tre giorni di ricovero l’uomo è stato dimesso ed ora sta facendo la sua convalescenza a casa. Il gesto ha avuto, come ovvio, le sue conseguenze legali. Per l’uomo è partita la segnalazione ai carabinieri per via del decreto del Governo che prevede il divieto di allontanamento dai Comuni della Zona Rossa con annesse sanzioni. 

Cristina Gauri

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.