Degrado a Chieti, africano nudo corre in mezzo alla strada: fermato

Loading...

Chieti, 3 mar — L’ennesimo episodio di degrado che ha come protagonista un immigrato e la sua improvvisa voglia di mostrarsi in costume adamitico nel pieno centro di una cittadina italiana. I fortunati ad aver assistito alla poco edificante scena sono stati, stavolta, gli abitanti di San Salvo, piccolo comune della provincia di Chieti.

“Sembrava la scena di un film”, ha commentato un abitante della zona intervistato dal quotidiano online SanSalvoweb, che ha riportato la notizia. Il cittadino ha poi descritto la scena che gli si è parata davanti ieri mattina: “Erano circa le 7 quando un uomo di colore si è messo a correre nudo davanti la Pilkington [un’azienda produttrice di vetro per edilizia, n.d.r.] di San Salvo”. Alle sue spalle lo incalzavano le forze dell’ordine: “Era inseguito da due volanti della polizia che lo hanno braccato in poco tempo”.

Loading...

Dopo la cattura, sul posto è intervenuto il personale medico sanitario a bordo di un’ambulanza. “I sanitari del 118 hanno sedato il ragazzo e lo hanno trasportato presso l’ospedale San Pio di Vasto”. Le forze dell’ordine hanno poi eseguito gli accertamenti di rito appurando che l’immigrato proviene da una comunità ubicata nella zona industriale di San Salvo.

Nell’ultimo anno i casi analoghi a quello descritto si sono moltiplicati: dall’africano in Stazione Centrale a Milano sorpreso a correre la maratona in mezzo al traffico lo scorso luglio al folle marocchino del centro di Monza, che denudatosi aveva preso a tirare bottigliate, imprecare e compiere atti di autolesionismo; dal defecatore folle di un piccolo centro nel casertano al ragazzone nigeriano che lo scorso febbraio a Teramo era stato fermato durante una sessione di flessioni e addominali in mezzo alla strada statale – ovviamente nudo. La domanda in questi casi è sempre la stessa: perché lo fanno? Forse perché quando gli prende quell’afflato ancestrale di ritorno alla vita degli antenati, non c’è niente da fare, bisogna seguirlo.

Cristina Gauri

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.