Primi contagi tra i bambini. Immunodepressi a rischio

Loading...

Fino a ieri era stato detto che i bambini erano immuni. Non si sa perché, ma in qualche modo impermeabili al virus. E in un certo senso ci sentivamo tutti più tranquilli.

Ora arrivano i numeri dei primi contagiati (6 in Lombardia e uno a Padova) e le cose cambiano. I pazienti hanno tra i 4 e i 15 anni, la maggior parte accusa una forma lieve. Ma sono bambini. E non eravamo esattamente pronti a gestire anche questo colpo.

I medici corrono subito ai ripari e specificano che non si è mai verificato nessun caso di morte sotto i dieci anni. La (scarsissima) letteratura medica sul coronavirus parla solo di uno 0,2% dei decessi tra i 10 e i 19 anni. D’accordo, ma vallo a dire a quello 0,2% di famiglie.

Liliana, mamma di una bambina diabetica, ha i polsi che le tremano al solo pensiero. «Dicono che il coronavirus si presenti solo come un forte raffreddore nei bambini – commenta – Ma cosa accade per quelli immunodepressi o che già fanno i conti con patologie croniche? Se mia figlia si dovesse infettare sarebbe un problema. Per cui chiedo a tutti molta serietà, come finora si sta facendo, per applicare le misure anti contagio. Dobbiamo proteggere i soggetti più deboli e soprattutto sappiamo ancora troppo poco sul virus».

Loading...

Senza alimentare allarmismi immotivati, anche i pediatri consigliano di mantenere alta la guardia: «L’andamento dell’infezione nei bambini sembra meno grave – spiega Susanna Esposito, presidente dell’associazione mondiale per le malattie infettive e i disordini immunologici – Ma c’è una quota di bambini, pari al 20%, che ha una patologia cronica, come l’asma bronchiale, la fibrosi cistica, oppure una immunodepressione dovuta a cause diverse. In questi casi l’allerta sanitaria deve essere elevata e bisogna far sì che il paziente pediatrico sia comunque ricoverato, perché non è noto quale sia il rischio di complicanze in queste categorie». Giuseppe Di Mauro, presidente della Sipps, società italiana di pediatria preventiva e sociale, spiega che il contagio tra i bambini va evitato per vari motivi, non solo per la loro salute. «Possono esserci bambini che avvertono sintomi di influenza da coronavirus in modo lieve o addirittura asintomatico – spiega – ma attenzione perché sono comunque portatori. Per loro ci dobbiamo preoccupare non tanto dal punto di vista patologico ma della diffusione del virus».

Considerando che molti bambini, a scuole chiuse, passano la giornata con i nonni, è importante che non siano un veicolo di contagio per proteggere anche gli over 70, al momento i più colpiti.

Emilio Fossali, presidente della fondazione De Marchi di Milano, consiglia come prima cosa di evitare di portare negli studi dei pediatri i bambini con i sintomi sospetti (anche se trovare un pediatra che visiti a domicilio è un’impresa non affatto facile). Ma, a tutti quelli che declassano il virus dicendo che «è poco più di un’influenza», Fossali dice chiaramente: «Guardate che anche l’influenza causa problemi gravi, soprattutto nei bambini immunodepressi. Le misure che si stanno adottando per il coronavirus (isolamento, intubazione) andrebbero assicurate tutto l’anno anche a chi presenta forme gravi di influenza. Dai bambini agli anziani. Leggendo tutto quello che si dice in questi giorni sulle percentuali e le categorie colpite dall’infezione, vorrei dire che le terapie intensive andrebbero assicurate anche a un anziano. Anche lui a diritto a sopravvivere alla sua influenza grave. Questa emergenza, insomma, può essere l’occasione perché ci si attrezzi per assicurare una maxi assistenza. Non solo ora ma anche in futuro».

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.