FdI, flash mob alla Camera per dire no al nutri-score che punisce il cibo italiano

Loading...

Fratelli d’Italia scende in piazza – e lo fa in quella di Montecitorio – per dire no al nutri-score, il sistema di etichettature dei prodotti alimentati sviluppato e introdotto dall’Unione Europea per catalogare i cibi, affidando loro un voto (dalla A “verde” alla E “rossa”) a seconda della qualità dei valori nutrizionali dei prodotti alimentari.

Si tratta di un “semaforo” cromatico e alfabetico creato in Francia che è stato accolto molto positivamente da Bruxelles e un po’ meno (eufemismo) dall’Italia, visto che lo strumento andrebbe a penalizzare alcuni prodotti tipici del made in Italy come il parmigiano reggiano, l’olio extravergine di oliva, gli insaccati, le mozzarelle e il prosciutto di Parma. Per questa ragione, infatti, Roma avrebbe provato a proporre all’Europarlamento l’adozione del “Nutrimeter”, ma agli alti papaveri della Commissione piace più il “righello” alimentare francese.

Iin prima fila contro il transalpino nutri-scorse c’è sicuramente Fratelli d’Italia, che nella giornata di mercoledì 12 febbraio ha organizzato un flash mob davanti alla Camera dei deputati per protestare contro la controversa etichettatura.

Loading...

La fondatrice e presidente Giorgia Meloni, insieme ai parlamentai di Fdi, hanno manifestato srotolando uno striscione recante la scritta “No al nutri-score – Prodotto italiano = qualita”. Inoltre, gli esponenti meloniani portato in piazza alcuni prodotti tipici italiani, tra cui vini, formaggi e salumi Dop. Con l’occasione, deputati e senatori di FdI hanno annunciato una mozione che, qualora approvata, impegnerebbe il governo a contrastare l’entrata in vigore della nuova etichettatura.

“Il nutriscore – ha affermato il capo politico Meloni – è un vero e proprio attacco all’eccellenza del Made in Italy. È la ragione per la quale FdI oggi ha chiesto al Parlamento di discutere una mozione per andare in Europa a vietare che il nutri-score entri in vigore nelle nazioni dell’Unione europea”. “Vedremo, nel Parlamento italiano chi si schiera a difesa dell’eccellenza e chi si schiera contro gli interessi nazionali”, ha chiosato la leader.

Fratelli d’Italia contro il nutri-score

Nelle scorse ore, prima del blitz in piazza, Luca De Carlo – esponente di Fratelli d’Italia alla Camera – aveva sferzato frontalmente la maggioranza giallorossa a fare qualcosa di concreto contro il sistema: “Il governo si impegni in sede europea per contrastare l’ipotesi di adozione del nutri-score quale sistema di etichettatura uniforme suscettibile di veicolare messaggi nutrizionali distorsivi e potenzialmente penalizzanti e dannosi per l’economia nazionale. L’Italia è universalmente riconosciuta come una Nazione esportatrice della qualità della vita e del cibo. Occorrono iniziative per preservare e tutelare il settore alimentare italiano e le eccellenze del Made in Italy da possibili effetti distorsivi sulla concorrenza e sulla leale competizione economica internazionale”. Infine presentando la mozione di FdI a firma di Giorgia Meloni, De Carlo ha aggiunto: “ll nutri-score va sostituito con un sistema di etichettatura dei prodotti alimentari idoneo a rilanciare la fondamentale esigenza di diffondere la dieta mediterranea, riconosciuta a livello mondiale dall’Unesco come bene immateriale transnazionale. Un sistema che sostituisca il ‘semaforo’ con “un’etichettatura a batteria” per gli alimenti con un richiamo visivo alla dieta mediterranea”.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.