Migranti, scoppia l’ira di Salvini: “Denuncio Conte e Lamorgese”

Loading...

Il governo ha riaperto i porti. E lo ha fatto un minuto dopo il voto in Emilia Romagna e Calabria.

Segno questo che c’era un certo timore di perdere consensi con i porti spalancati alle ong a poche ore dalla tornata elettorale per le Regionali. A urne chiuse e con la vittoria del centrosinistra in Emilia Romagna, i giallorossi aprono il porto di Taranto alla Ocean Viking dove sbarcheranno più di 400 migranti. E non finisce qui: altri 200 migranti sarebbero già pronti per unno sbarco nei nostri porti dopo il pressing delle Ong sull’esecutivo. Insomma nei fatti i dl Sicurezza sono stati superati. Ma in questo nuovo vento di accoglienza senza fresi che soffia sul nostro Paese va registrata una provocazione, non da poco di Matteo Salvini. Come è noto, l’ex ministro degli Interni è imbrigliato nel caso Gregoretti con la richiesta di autorizzazione a procedere. L’accusa è quella di sequestro di persona. Ora, lo stesso Salvini, ribalta la vicenda e punta il dito contro il premier Giuseppe Conte e il ministro degli Interni, Luciana Lamorgese. Le parole di Salvini sono durissime: “Denuncio per sequestro di persona il presidente del Consiglio e il ministro dell’Interno per aver tenuto a bordo 400 persone per 4 giorni. Ci troviamo in tribunale con il signor Conte e la signora Lamorgese – ha proseguito il segretario leghista – Così vediamo se il criminale è solo Salvini o se la legge è uguale per tutti”. Poi, l’ex titolare del Viminale, rincara la dose: “Se sono criminale io, lo sono anche loro, se ho fatto il mio dovere io, lo hanno fatto anche loro. Con una piccola differenza – ha osservato ancora Salvini – che gli sbarchi sono quintuplicati”.

Loading...

Insomma adesso lo scontro tra il leader leghista e il governo dei porti aperti è alle stelle. E di fatto il Pd, subito dopo il voto, è tornato alla carica chiedendo immediatamente modifiche ai dl Salvini e soprattutto l’introduzione dello ius soli. Due mosse e due temi caldi che accenderanno lo scontro tra le opposizioni e la maggioranza. I dl Salvini sono di fatto i due pilastri dell’azione di governo del Carroccio. E ora i dem, solo dopo la vittoria in Emila Romagna, sono già pronti a smantellare tutte le norme varate dal Carroccio. È stato lo stesso Bonaccini a chiedere di accelerare su questo fronte. A ruota è arrivato anche il pressing di Delrio. I dem si preparano a sferrare l’attacco finale al piano di Salvini che in un solo anno ha ridotto gli sbarchi sulle nostre coste dell’80 per cento.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.