Sardine, Mattia Santori prepara l’ennesima provocazione: ultima tappa della campagna elettorale al Papeete

Loading...

Dopo Bibbiano le Sardine si preparano a un’altra provocazione: l’ultima tappa della campagna elettorale potrebbe essere al Papeete. Parola di Lorenzo Donnoli, uno dei giovani portavoce del movimento ittico che, ospite ad Agorà, ha svelato la mossa anti-Salvini. Il bagno di Milano Marittima, infatti, era stato preso d’assalto quest’estate quando, Matteo Salvini dal mare aveva annunciato la crisi di governo generando la solita polemica di sinistra. E così come possono i pesciolini capitanati da Mattia Santori non prendere la palla al balzo?

Intanto, nella giornata di domenica (quando si è tenuto il congresso-concerto a Bologna), le Sardine hanno già messo le mani avanti e organizzato un’assemblea pubblica con la cittadinanza per chiedere cosa fare, se organizzare giovedì una piazza di Sardine contemporanea a quella del Carroccio nel comune tristemente noto per gli affidamenti illeciti di bambini. 

Loading...

E a chi chiede ai pesciolini se dopo le regionali in Emilia diventeranno partito, Santori risponde: “A febbraio gireremo i territori, conosceremo fisicamente i gruppi” riferisce alla Stampa seguito da Donnoli che racconta del faccia a faccia con Giuseppe Conte: “È positivo che un presidente del consiglio voglia ascoltare le piazze – interviene Donnoli – mi auguro lo faccia per ascoltarci e impegnarsi a cancellare gli orridi decreti in-sicurezza”.

Agorà@agorarai

Sardine al Papete? “potrebbe essere un luogo simbolico per chiusura campagna elettorale” Lorenzo Donnoli, portavoce #sardine99:33 AM – Jan 20, 2020

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.