Conte teme le scissioni: “Non voglio avere più partiti di Prodi”

Loading...

Giuseppe Conte non vuole perdere la bussola del realismo e perciò non può negare le varie frammentazioni che stanno caratterizando il governo giallorosso.

Alle divisioni tra i partiti su questioni cruciali, ora si è aggiunta anche la faida all’interno del Movimento 5 Stelle sul “caso Paragone”. Il premier ha preso coscienza del fatto che il terremoto grillino potrebbe arrivare fino a Palazzo Chigi. Perciò ha voluto mettere in guardia i pentastellati: altre scissioni potrebbero produrre ulteriori partiti. E l’avvocato si dice preoccupato: “Ogni partito chiede un posto e vuole essere considerato e accontentato. Non riesco a immaginare come fare la prossima legge di Bilancio in queste condizioni”.

Come riportato da La Stampa, il presidente del Consiglio – nonostante accolga con piacere le similitudini con Romano Prodi, il cui esecutivo si reggeva su 10 partiti – confessa che non vorrebbe fare la sua stessa fine: “Se andiamo avanti così rischio di raggiungerlo e di superarlo. Con altri gruppi avremmo solo più instabilità”.

Loading...

Il problema, per il capo del governo, è la frantumazione dei 5S. Anche perché il loro disfacimento è sotto gli occhi di tutti: in un mese hanno visto tre senatori passare alla Lega, le dimissioni del ministro Lorenzo Fioramonti e l’espulsione di un big come Gianluigi Paragone. E ai malumori dei parlamentari gialli nei confronti di Luigi Di Maio, ora si è aggiunta anche la presa di posizione di Alessandro Di Battista a sostegno del conduttore televisivo. Il che inevitabilmente ha proiettato ombre di nuove spaccature. In tutto ciò Conte è preoccupato e, ovviamente, non ha gradito quello che rapressenta il sentore dell’ennesima crepa. Tra il capo politico e l’ex deputato c’è sempre la tenebra della rottura. “Servono persone che ci mettano la faccia sempre e non a giorni alterni, secondo le proprie convenienze”, ha tuonato il ministro degli Esteri, tirando una frecciatina verso l’attivista.

Il premier però proietta le proprie ansie anche verso l’esecutivo: nella giornata di martedì 7 gennaio è previsto un vertice in cui si discuterà il delicatissimo tema della prescrizione. I grillini rimangono fortemente convinti della propria posizione; il Partito democratico ha presentato una proposta ad hoc per stemperare gli effetti della riforma; Italia Viva ha avvertito che potrebbe votare la proposta di legge di Forza Italia, all’esame della commissione Giustizia di Montecitorio.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.