Nigeriano stupra bimba di 3 anni. Incastrato dal dna: era sotto le unghie della piccola

Loading...

È arrivata finalmente la condanna del tribunale di Brescia nei confronti del richiedente asilo nigeriano accusato dello stupro di una bimba di soli tre anni avvenuto durante lo scorso mese di aprile.

Ospite della sorella residente nel comune di Castegnato, in provincia di Brescia, il 23enne, con un permesso di soggiorno provvisorio, era stato invitato a cena da una famiglia di amici.

Proprio in casa degli ignari ospiti, il soggetto aveva commesso il terribile crimine. Rimasto per diverso tempo da solo con la figlia della coppia, aveva abusato sessualmente di lei.

Era stato il pianto della piccola a richiamare il padre, subito accorso per cercare di capire che cosa stesse accadendo. Non essendo stata inizialmente rilevata alcuna prova visibile, l’uomo non aveva compreso fin da subito che cosa fosse realmente successo, per cui si era limitato a portare via la figlia dalla stanza.

Loading...

Poche ore dopo, tuttavia, la drammatica scoperta. Mentre aiutava la piccola a prepararsi per andare a dormire, la madre si era infatti accorta di evidenti tracce ematiche sulle mutandine e sulle parti intime della bambina, che lamentava anche dei dolori. I medici del pronto soccorso pediatrico degli Spedali Civili di Brescia avevano poi confermato l’avvenuta violenza. Le lesioni ai genitali erano state causate da un atto sessuale, anche se non vi era stata penetrazione. Stupra bimba di 3 anni, nigeriano incastrato dal test del Dna: dopo la pena sarà espulsoPubblica sul tuo sito

Dalla denuncia dei genitori erano quindi partite le indagini dei carabinieri, che avevano rintracciato il nigeriano a casa della sorella. Qui il soggetto aveva opposto strenua resistenza al fermo, prima di essere arrestato dai militari.

Finito dietro le sbarre della casa circondariale Canton Mombello di Brescia con l’accusa di violenza sessuale aggravata su minore, il 23enne era stato poi trasferito nel carcere di Pavia. Durante le fasi dell’interrogatorio e del processo ha sempre continuato a professarsi innocente. Delle dichiarazioni, le sue, che sono state poi smentite questa estate, quando il test del Dna eseguito su alcuni campioni biologici prelevati dalle sue mani e dalle unghie hanno fornito una prova incontrovertibile di colpevolezza.

Incastrato dagli esami clinici condotti in laboratorio, che hanno certificato la presenza di tracce di Dna della piccola vittima su di lui, il 23enne ha quindi ricevuto nei giorni scorsi la meritata condanna.

Processato tramite rito abbreviato, il giovane dovrà scontare 2 anni ed 8 mesi di reclusione dietro le sbarre, come disposto dai giudici del tribunale di Brescia. Resterà nel carcere di Pavia, dove si trova tuttora detenuto.

Al termine della pena, per il nigeriano è già pronta l’espulsione dal nostro Paese.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.