Manovra, salasso sui turisti: raddoppia la tassa di soggiorno

Loading...

La nuova manovra giallorossa riserverà una mini-stangata all’indirizzo di quei turisti che decideranno di visitare le nostre città d’arte e mete top.

Lo prevede una modifica appena approvata sul decreto fiscale in commissione Finanze della Camera. L’emendamento porta la firma di Martina Narti, deputata del Partito Democratico, e consente ai Comuni che ogni anno registrano presenze oltre 20 volte il numero dei residenti di poter aumentare la tassa di soggiorno. Ricordiamo che la tassa di soggiorno è un contributo fisso che gli albergatori richiedono ai turisti ospitati nelle strutture. Il suo costo varia da città a città ed è, in poche parole, un’imposta che ciascun viaggiatore deve corrispondere per ogni notte trascorsa all’interno di ostelli, hotel, bed and breakfast e campeggi dei principali centri urbani italiani.

Cos’è la tassa di soggiorno

Come detto, il pagamento della tassa di soggiorno varia a seconda delle località e in base alle regole adottate da ogni singolo Comune: c’è chi ha introdotto una tassazione fissa e chi ha deciso di variare il costo a seconda dell’alloggio. Il suo valore era fin qui compreso in una forbice che andava da 1 a 5 euro a persona per ogni notte di pernottamento– salvo un’apposita lista di categoria di viaggiatori esentati, come residenti, bambini under 12 disabili e altro ancora – da pagare al gestore della struttura alberghiera in contanti o con carta di credito.

Loading...

Le novità in arrivo

Con il nuovo emendamento in manovra una serie di Comuni avranno il via libera per aumentare la tassa di soggiorno fino a 10 euro a notte. Le casse comunali, spesso al verde, tirano un sospiro di sollievo immaginando il lauto guadagno, visto che già oggi, con il limite massimo di 5 euro, 1.020 municipi incassano circa 600 milioni di euro all’anno dall’imposta di soggiorno o la tassa di sbarco. Si tratta del 13% dei Comuni totali presenti nel nostro Paese, ma questa piccola fetta ospita il 75% dei pernottamenti complessivi registrati ogni anno in Italia.

Dove si pagherà di più

Non tutti i Comuni potranno però approfittare della novità, bensì soltanto quelli individuati da un apposito decreto ministeriale. Al momento è già stato stabilito un primo paletto: quello delle presenze turistiche. Dunque: semaforo verde per i Comuni che ospitano un numero di viaggiatori superiore di 20 volte quello dei residenti (nella prima versione era addirittura a 10). Dando uno sguardo alla classifica delle presenze turistiche sui dati Istat, possiamo comporre una prima e ipotetica lista di municipi adibiti ad alzare la tassa di soggiorno. Venezia e Firenze sono i primi della lista, considerando che contano rispettivamente 11 e 10 milioni di presenze. Tra le località più piccole, con pochi abitanti e tantissimi turisti, troviamo Jesolo (5,6 milioni di viaggiatori), Sorrento (2,4 milioni), Cortina e Ischia (oltre 1 milione all’anno) e tante altre ancora. Escluse, invece, Milano e Roma.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.