Ilaria Cucchi scatenata contro “Un giorno in Pretura”: «Censurato il nostro avvocato»

Loading...

La polemica non si è chiusa, il processo sì.  Sta di fatto che la sorella di Stefano Cucchi, Ilaria, si scaglia contro la trasmissione tv “Un giorno in Pretura”‘. A scatenare la reazione della sorella del geometra ucciso nel 2009 – e per la cui morte sono stati condannati in primo grado a 12 anni due carabinieri -, la seconda puntata del programma di Rai Tre dedicata al caso. Nel mirino di Ilaria Cucchi, quelle che giudica “omissioni” nella ricostruzione del processo.«Anche stasera – scrive infatti su Facebook – “Un giorno in Pretura” non si è smentito. Ha completamente tralasciato due intere udienze sul tema medico legale, che hanno risolto il nostro processo, per dar spazio allo show dell’avv. Naso. L’avv. Anselmo ovviamente è stato totalmente oscurato così come i nostri medici legali. Ma soprattutto quelli del Giudice quando affermano che Stefano senza le botte non sarebbe morto. Ma non avevamo dubbi. Posso solo dire – continua il post – che mi dispiace per il Dott. Musarò e per il Dott. Pignatone. Ma d’altra parte tutti ricordiamo bene i selfie fatti in aula mentre si svolgeva il processo. Mi ha chiamata mia madre disgustata. Pubblicherò sulla mia pagina – promette – tutto ciò che “Un giorno in Pretura” ha omesso». Poi la chiusura dal tono sarcastico: «Grazie – scrive – per il servizio pubblico offerto».Il post è accompagnato da una foto (in basso) scattata in Aula che ritrae la conduttrice Roberta Petrelluzzi accanto a Maria Lampitella, avvocato di uno degli imputati. Proprio contro lo scatto, nel maggio scorso, Ilaria Cucchi aveva pubblicato un post per segnalare “la signora Petrelluzzi che, con sorrisi e grande cordialità, spalle ai banchi della Corte, si fa fare numerosi selfie, guancia a guancia, con gli avvocati degli imputati”. La Cucchi, nei giorni scorsi, si era già scagliata contro Matteo Salvini per una frase che l’aveva mandata su tutte le furie.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.