L’ultimatum di Grillo a Di Maio: “Io ti salvo la poltrona, ma tu devi fare pace con il Pd”

Loading...

Pubblicamente lo elogia, ma in privato l’umore è nero. Beppe Grillo è costretto a scendere il campo per rimediare ai disastri di Luigi Di Maio. Dopo la débacle elettorale e la bocciatura di militanti, che sulla piattaforma Rousseau hanno di fatto hanno sfiduciato il capo, il fondatore va in soccorso. Con parole che sanno di ultimatum. “Io ti blindo, ma tu devi virare a sinistra. Basta tentennamenti”. Sarebbe questa la conclusione dell’ultimo faccia a faccia tra i due a Roma, ricostruita dal Corriere della Sera.

L’ultimatum di Grillo a Di Maio

Non è facile per l’ex comico rimettere in piedi i cocci di un movimento che ha perso lo smalto rivoluzionario delle origini. E che si consuma tra liti interne, vedi il pressing di Fico, e chat infuocate. Dopo lo scontro,  Grillo avrebbe stretto un nuovo “patto”, più o meno segreto, con la sua creatura costruita in laboratorio. “Io ti difendo da chi vuole la tua testa, ma tu la smetti di flirtare con i sovranisti”.

Loading...

L’uomo solo al comando è scoppiato

L’uomo solo al comando è scoppiato. Così di fronte ai tanti che lo vorrebbero fuori,  Di Maio è costretto a  riavvicinarsi al fondatore e a piegarsi a condividere il potere. In cambio Grillo pretende un’alleanza politica solida con il Pd e una chiara opposizione alla Lega salviniana, perché la destra che arriva è “pericolosetta”.   “Insomma – scrive il Corriere –  Di Maio offre la disponibilità di condividere con un gruppo ristretto di lavoro le sue decisioni e Grillo consente. Anche se il terminale resterà lui. E non può che essere Di Maio”. Un compromesso. L’unico possibile. “Defenestrarlo – continua il Corriere –  non sarebbe possibile senza conseguenze per il governo. Si può solo commissariarlo, metterlo sotto tutela e consentirgli una proroga. E non importa se tutti, perfino Alfonso Bonafede, dicono basta al «capo politico» e chiedono di cambiare pagina”.

Si riapre la partita delle regionali

La tenuta dei 5Stelle passa per un’intesa politica con il Pd di Zingaretti. A partire dalla partita delle regionali. L’obiettivo di Grillo è chiaro. Trasformare l’alleanza di governo con il Pd in un vero patto politico. Un abbraccio irreversibile. Che cominci ufficialmente dai prossimi test elettorali. In Emilia-Romagna e Calabria si deve lavorare per riaprire il dialogo e ripensare a una possibilità di un’alleanza con il Pd. Anche a costo di alimentare la ribellione dei “territori”. Difficile far ingoiare agli amministratori grillini che per anni si è scherzato. Che bisogna sotterrare l’ascia di guerra con il Pd.  Basti sentire Gabriele Lanzi, senatore di Sassuolo: «Siamo sconcertati, non capisco perché, se Grillo e Di Maio vogliono l’alleanza con il Pd, non lo dicano apertamente. Io non ho preclusioni ma vorrei chiarezza. E, come me, molti altri».

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.