Foggia, paura baby gang: 10 ragazzini circondano e attaccano 14enne

Loading...

È allarme baby gang a Foggia, dove le aggressioni compiute da gruppi di ragazzini non fanno che moltiplicarsi.

Dopo gli ultimi episodi di violenza registrati – un 50enne pestato a sangue in zona Largo degli Scopari ed un 60enne finito in ospedale con un braccio rotto dopo un brutale attacco subìto nel rione Martucci -il fenomeno non pare affatto diminuito, neppure dopo le numerose denunce dei cittadini, sempre più preoccupati.

Beffardi e con totale sprezzo delle regole, i giovani componenti delle gang sembrano inarrestabili e reagiscono con estrema brutalità contro coloro che solo provano a riportarli all’ordine.

Ieri notte, dunque, l’ennesima aggressione, avvenuta in pieno centro cittadino.

Loading...

Secondo quanto riferito dagli inquirenti, l’episodio si è verificato intorno alle 21.30, in piazza Cattedrale. La vittima, questa volta, è un ragazzino di 14 anni, avvicinato da un gruppetto di 10 minorenni che lo ha aggredito con estrema violenza. L’adolescente è stato circondato e strattonato più volte, quindi scaraventato con forza contro la saracinesca abbassata di un negozio. Paura baby gang a Foggia, nuovo attacco: in 10 circondano e aggrediscono un 14ennePubblica sul tuo sito

Provvidenziale l’intervento degli agenti della polizia locale, che in quest’ultimo periodo stanno concentrando tutti i loro sforzi proprio per cercare di contrastare il fenomeno baby gang che affligge la città.

Mentre i componenti del branco si davano alla fuga alla vista delle divise, i poliziotti si occupavano di soccorrere il 14enne. Trovato sotto choc, il ragazzino non ha fortunatamente riportato serie ferite.

Tranquillizzato il minorenne, che ha poi fatto ritorno a casa, gli agenti si sono subito attivati per rintracciare i responsabili. Molti dei ragazzini erano purtroppo già riusciti a dileguarsi, ma uno di loro è stato rintracciato e fermato.

Una volta identificato, l’adolescente è stato riaffidato alla famiglia.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.