Due rom li pestano ai controlli: poliziotti finiscono in ospedale

Loading...

Grave episodio di aggressione ai danni degli agenti di polizia del commissariato di Sora (Frosinone), impegnati durante la serata di ieri in un posto di blocco.

Dopo aver fermato una vettura di grossa cilindrata, questi ultimi hanno provveduto a chiedere i documenti al conducente, che fin dal primo momento si è dimostrato particolarmente ostile nei loro confronti.

Costui, un pluripregiudicato di etnia rom di 44 anni, era accompagnato in auto da un congiunto di minore età, risultato invece fino a ieri incensurato. Le verifiche effettuate sul veicolo hanno rivelato la mancata copertura assicurativa, nonchè l’assenza di revisione del mezzo.

Loading...

Il pensiero di incappare in una sanzione ha scatenato la furia del 44enne, che si è scagliato con violenza contro uno dei poliziotti, colpendolo ripetutamente. Anche il passeggero, rom di 17 anni, ha dato man forte al conducente del mezzo nell’aggressione. Con grande fatica, gli uomini in divisa sono riusciti a bloccare i due facinorosi, poi condotti presso il locale commissariato per le consuete operazioni di identificazione ed incriminazione, anche grazie al supporto di una pattuglia della polizia stradale. Agenti pestati dai rom durante un controllo: 10 giorni di prognosiPubblica sul tuo sito

Gli agenti feriti sono dovuti ricorrere alle cure del pronto soccorso dell’ospedale Santissima Trinità, ricevendo una prognosi di 10 giorni.

Risultato scarcerato appena lo scorso mese di aprile, e con una lunga lista di precedenti alle spalle per estorsione, porto abusivo d’armi e rapina, il pregiudicato E.D.S. è stato nuovamente arrestato con l’accusa di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e si trova ristretto ai domicilliari in attesa di giudizio direttissimo.

Con i medesimi capi d’accusa, il 17enne ha invece ricevuto una denuncia a piede libero alla procura della Repubblica presso il tribunale per i minorenni di Roma.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.