Torino, marocchino rapina donna e attacca militari con una spranga

Loading...

Sono finiti in manette a Torino due rapinatori che, nella serata di mercoledì, hanno aggredito una signora alla fermata degli autobus, opponendo poi resistenza all’arresto.

Uno dei due, un marocchino di 36 anni, ha addirittura minacciato i carabinieri con una spranga di ferro.

L’episodio intorno alle 21.00 in via Guido Reni, dove si trova la fermata della linea 62 del GTT. La vittima, una donna di 47 anni, era in attesa del bus quando è scattata l’aggressione. Una Fiat Punto si è fermata a poca distanza da lei, e dalla vettura è uscito un uomo (il marocchino), che le ha puntato un coltello al fianco intimandole di consegnare la borsa. Terrorizzata, la 47enne ha obbedito, così il malvivente ha fatto velocemente ritorno all’interno dell’auto, che è subito ripartita. A soccorrere tempestivamente la donna un carabiniere della stazione Torino Mirafiori che in quel momento si trovava fuori servizio. Il militare ha tranquillizzato la 47enne e contattato i colleghi per dare l’allarme. Marocchino rapina una donna col coltello, poi aggredisce militari con la sprangaPubblica sul tuo sito

Loading...

Fuggiti in direzione via Santa Maria Mazzarello, il marocchino ed il conducente della Fiat sono stati raggiunti in via Vandalino da una pattuglia dei carabinieri, che hanno arrestato la loro corsa. A quel punto il nordafricano è uscito in fretta della vettura, riuscendo a scappare, mentre il suo complice è stato immobilizzato ed arrestato. Si tratta di un 33enne italiano.

Rincorso a piedi per le strade del quartiere di Pozzo Strada – un inseguimento durato per oltre 20 minuti – il marocchino è stato infine fermato in un edificio abbandonato in via Asiago. Qui lo straniero ha opposto una strenua resistenza, arrivando ad affrontare i carabinieri armato di una spranga di ferro. I militari sono tuttavia riusciti a disarmare e ad immobilizzare il criminale, riducendolo in manette. Il soggetto, un senza dimora con precedenti alle spalle, è finito dietro le sbarre. Pare che questa non sia stata la prima rapina commessa dai due soggetti, probabilmente respondabili di altri colpi commessi nella zona.

In un secondo momento gli uomini dell’Arma hanno perquisito la Fiat Punto, trovando la borsetta della 47enne, che è stata subito restituita.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.