Parma, molesta donna e attacca militari: clandestino sarà espulso

Loading...

Finisce a terra nel tentativo di liberarsi dal suo stalker, tanta paura per una donna di Parma durante la mattinata dello scorso sabato.

Da tempo un 33enne di nazionalità ghanese l’aveva presa di mira, inseguendola e molestandola anche in modo pesante quando gli capitava di incontrarla per le vie della città. Persecuzioni sempre più frequenti e minacciose, fino all’episodio di qualche giorno fa, avvenuto all’interno del centro commerciale “La Galleria”, ex Barilla Center, in via Emilia est.

Loading...

Dopo aver adocchiato la sua preda, l’africano ha iniziato come suo solito ad importunarla. Inutile ogni tentativo della 40enne di allontanare lo straniero, che l’ha raggiunta ed afferrata. Impaurita, la vittima ha cercato di divincolarsi, finendo a terra. Riuscita a rimettersi in piedi, ha trovato rifugio in uno dei negozi, da cui ha contattato le forze dell’ordine per chiedere aiuto. In breve sul posto sono giunti i carabinieri del nucleo operativo radiomobile di Parma, che si sono messi immediatamente sulle tracce del responsabile. Aggredisce la donna che da tempo molesta e attacca militari: clandestino sarà espulsoPubblica sul tuo sito

Il 33enne ha provato a fuggire, ma la via gli è stata sbarrata dai militari, contro i quali si è scagliato con violenza per cercare inutilmente di evitare l’ennesinmo arresto. Il ghanese, infatti, personaggio senza fissa dimora e clandestino, era personaggio già noto per precedenti reati di resistenza a pubblico ufficiale, ubriachezza molesta ed estorsione.

Già destinatario di un provvedimento di espulsione, il 33enne, trovato in possesso di dosi di marijuana, è stato nuovamente denunciato per resistenza a P.U. E detenzione di sostanze stupefacenti. Per lui pronto l’allontanamento dai confini nazionali.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.