Mondovì, deruba e aggredisce una ragazza sul treno: preso magrebino

Loading...

Ha rapinato e poi aggredito una ragazza sul treno Savona-Torino, ma non è riuscito comunque ad evitare l’arresto da parte dei carabinieri della compagnia di Mondovì (Cuneo).

Protagonista in negativo della vicenda un marocchino di 37 anni, che durante la tarda serata del sabato della scorsa settimana si trovava a bordo del convoglio.

Salito a Savona e preso posto all’interno di una delle carrozze, il magrebino ha adocchiato la sua preda, attendendo il momento giusto per agire. È bastato un attimo di distrazione della giovane a far scattare il 37enne, che ha rubato dallo zaino della vittima un cellulare ed un portafoglio.

Loading...

Vistosi, tuttavia, scoperto, il marocchino ha cercato di allontanarsi di corsa, spostandosi di vagone in vagone. Tutto inutile, dato che la giovane si era lanciata al suo inseguimento ed era intenzionata a recuperare la refurtiva. Quando quest’ultima è riuscita infine a raggiungere il malvivente africano, quest’ultimo l’ha afferrata per il collo, intimandole di andarsene. Deruba ragazza sul treno poi, inseguito, la aggredisce: arrestato marocchinoPubblica sul tuo sito

Una scena che fortunatamente non è passata inosservata ad un passeggero il quale, con l’ausilio del capotreno, ha soccorso la vittima e bloccato il 37enne. Quando il convoglio è giunto alla stazione ferroviaria di Mondovì, i carabinieri della stazione locale sono saliti a bordo per far scattare le manette ai polsi dell’extracomunitario.

Nel tentativo di evitare l’incriminazione e liberarsi del maltolto, tra l’altro, il 37enne ha lanciato cellulare e contenuto del portafogli da un finestrino del treno in corsa. La refurtiva, dunque, non è stata recuperata, una doppia beffa per la ragazza.

Il giudizio direttissimo, svoltosi presso il tribunale di Cuneo, ha convalidato il fermo e disposto la misura restrittiva dei domiciliari per lo straniero. Quest’ultimo ha accettato di risarcire il danno alla giovane vittima.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.