“Irina dagli occhi di ghiaccio” svuota il conto dell’anziano e finisce in galera

Loading...

Non si chiama Irina Sbatilowa come quella della barzelletta, viene piuttosto definita “ Rina dagli occhi di ghiaccio” da chi l’ha incrociata.

Il raggiro Il ideato per la circonvenzione di un uomo anziano, tetraplegico e malato di Alzheimer al quale prestava le sue cure a Nerviano, in provincia di Milano, è valsa la condanna a tre anni e sei mesi di carcere a Ina K. la poco meno che cinquantenne badante bielorussa. Prelievi bancomat, pagamenti con carta, assegni e bonifici a proprio favore, erano la consueta fonte di approvvigionamento della donna venuta dall’est, che oltretutto non ha esitato a intervenire anche sulla salute dell’uomo somministrandogli farmaci che ne assicurassero uno stato di quasi perenne torpore. La donna per agire indisturbata avesse cercato di fare piazza pulita di ogni contatto con l’esterno. Il suo piano però, grazie alla segnalazione di una coppia di amici dell’anziano che avevano subodorato qualcosa, è giunto all’attenzione dei Carabinieri che hanno agito con prontezza.

Loading...

Ora l’anziano è parte offesa in un processo a carico della donna e ha già ottenuto un anticipo di 50mila euro sul risarcimento dei 250 mila che la tuttofare dell’Est gli aveva sottratto sottratto da luglio 2013 all’anno successivo e che dovrà rimborsare integralmente. Il gioco alla roulette bielorussa è finito e Ina K. i tre anni e sei mesi che le sono stati comminati dovrà scontarli in carcere senza il beneficio della condizionale.

Il caso di Nerviano è solo uno dei tanti di cui si ha quasi quotidianamente notizia. Dalla Romagna alla Lombardia non è difficile scovare, anche su Internet, casi recenti e lontani di anziani truffati dalla badante dell’est e nell’aprile scorso le forze dell’ordine ha sventato un finta associazione onlus che nascondeva in realtà movimenti di immigrazione clandestina e una illecita intermediazione del lavoro. Nel corso dell’operazione, nove persone erano finite in carcere e ai domiciliari dopo una ndagine della Guardia di finanza di Varese.

In Italia sono complessivamente 864.526 i lavoratori domestici stranieri, di questi il 54,4% è rappresentato da colf, il 45,5% da badanti, stando ai dati Inps 2017. In questo settore però Il tasso di irregolarità degli occupati è del 58,3%, ben oltre quello delle altre attività economiche, dove la media è del 13,5%.

Nell’insieme colf e badanti stranieri rappresentano nel nostro pese il 1,3% del pil. Salvo “incidenti” come quello di Varese e di Nerviano.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.