Rc Auto, arriva la stangata: tariffe più alte nel 2019

Loading...

Brutte notizie in arrivo insieme al 2019. Non c’è solo l’aumento dell’età pensionabile, scattato insieme ai fuochi di Capodanno e non sterilizzato dal governo.

Ma per gli italiani arriva anche l’aumento dell’Rc Auto.

Saranno circa 1,2 milioni di automobilisti investiti (è proprio il caso di dirlo) dall’aumento delle classi di merito a causa di sinistri avvenuti durante l’anno precedente. La nuova classe ovviamente si tradurrà in un aumento dell’assicurazione sull’auto: una stangata che certo in molti si sarebbero evitati.

Loading...

Secondo gli analisti di Facile.it, che hanno analizzato le dichiarazioni rese da 500mila automobilisti alle prese con il rinnovo dell’Rc Auto sul loro sito, il 3,83% del campione ha dichiarato di aver denunciato un sinistro nell’anno appena concluso. Si tratta, a ben vedere, di un dato in calo rispetto al 2017 quando era stato il 4,22% degli automobilisti ad aver denunciato un incidente con colpa.

L’aumento del premio a causa della variazione della classe di merito va poi a unirsi all’incremento medio delle tariffe registrato a dicembre del 2018, quando ha toccato i 580,67 euro, con un incremento del 3,16% rispetto allo stesso mese del 2017. “Secondo l’indagine che abbiamo commissionato all’istituto di ricerca mUp Research – spiega Diego Palano, responsabile Assicurazioni di Facile.it. – lo scorso anno l’RC auto è stata una delle voci di spesa che ha inciso di più, almeno psicologicamente, sul bilancio delle famiglie ed è quella sulla quale, anche nel 2019, si cercherà di risparmiare maggiormente”. E ancora: “La buona notizia è che molti lo hanno già fatto; secondo i risultati dell’indagine, nel 2018 sono oltre 11 milioni di automobilisti che sono riusciti a ridurre la spesa trovando un’offerta migliore”.

il giornale.it

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.