Cagliari, minacce a Salvini: ​”Sputare primo passo…”

Loading...

I cartelli di minacce non sono firmati. Ma la vittima è sempre il ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

 

Indossa la maglieta della polizia nel volantino che lo raffigura al centro di un mirino, immagine sormontata da una scritta minacciosa: “Sputare è il primo passo”. Non resta da chiedersi quale sia il secondo…

 

In fondo nei giorni scorsi, durante le manifestazioni a Roma e Milano, gli studenti in piazza non hanno esitato a cantare inni del tipo “uccidere Salvini non è reato”. E oggi, a Cagliari, la storia si ripete. Nella città sarda infatti è prevista la visita del ministro dell’Interno e in Rete, ma non solo, la galassia antagonista e di sinistra si sta organizzando per una manifestazione di protesta. Anche a Nuoro, dove il Collettivo “Spazio Antifascista” sta chiamando tutti a andare in piazza: “Ci sentiamo in dovere – si legge nella loro pagina Facebook – di scendere in strada e protestare contro di lui e contro la politica securitaria, razzista e fascista del suo governo. Chiediamo a tutti e tutte coloro che non approvano il suo operato e il suo pensiero di mollare i social network per un giorno e di andare a protestare fisicamente. Ci vediamo in strada”.

Nel capoluogo della Sardegna erano già apparse alcune scritte minaccose (“Salvini muori”)e ora è il turno di alcuni volantini. Oltre a quello con il mirino, come spiega admaioramedia.it, ne appare un secondo in cui si vede un uomo strozzare il leghista sotto il motto: “Contro i razzisti….fino all’ultimo respiro”. Anche questa una vaga illusione all’uccisione del ministro degli Interni. Infine, come già accaduto in passato, il volto del leader della Lega a testa in giù e la scritta “Salvini Bairindi” (vai via, ndr).

Loading...

 

 

il giornale.it
Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.