Decreto emergenze è legge. Toninelli: ‘Domani 266 famiglie potranno comprarsi una casa’

Loading...

Toninelli

“Il Decreto emergenze è legge!”.

Lo ha annunciato il Movimento 5 Stelle che sulla propria Facebook ha pubblicato il video del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, che è intervenuto in Senato.

Il ministro ha dichiarato: “Il mio intervento è esclusivamente per ringraziare tutti i deputati, i senatori e i membri del governo per aver lavorato giorno e notte in queste settimane e aver permesso di approvare un decreto che stanzia circa 300 milioni di euro per Genova e per i genovesi”.

“E chi oggi ha gioito lo ha fatto per i cittadini di Genova, per 266 famiglie che hanno perso la casa e avranno nei prossimi giorni, grazie a questa approvazione, i soldi stanziati per comprare finalmente una nuova abitazione” ha proseguito.

“Grazie all’approvazione di questo decreto, domani 266 famiglie, per la prima volta nella storia dopo un evento tragico e unico come quello di Genova, e ricordiamo quante tragedie sono capitate in Italia ovviamente anche differenti, quanti anni hanno aspettato i cittadini che hanno perso l’abitazione per avere una casa” ha sottolineato il ministro.

Loading...

“Dopo 48 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, 266 famiglie avranno una casa, avranno i soldi e questa è una gioia straordinaria” ha aggiunto.

“Questo governo non solo è stato vicino fin dal primo istante a Genova, e a tutti i cittadini e lo ha fatto con questo decreto che abbiamo approvato velocemente, ma voi sapete che nella manovra di bilancio Genova avrà destinati altri 500 milioni” ha detto ancora Toninelli.

“E la gioia e l’esultanza è perché la meravigliosa città di Genova non solo si rialzerà, ed è stata in ginocchio per un evento che doveva e poteva essere evitato e magari c’è qualche responsabile in quest’aula che ha permesso a società autostradali di ingrassare enormemente le proprie finanze a vantaggio esclusivo dei privati” ha concluso l’esponente pentastellato.

Guarda il video:

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.