Vitalizi, M5S: ‘Pd e Forza Italia se ne vanno al momento del voto’

Loading...

“Forza Italia e Pd se ne vanno al momento del voto per il taglio dei vitalizi: vergogna”.

Così il Movimento 5 Stelle in un post pubblicato sulla propria pagina Facebook condividendo un’immagine che mostra un gatto e una volpe e la scritta sovrapposta “sempre in società”.

“Oggi al momento della votazione per il taglio dei vitalizi al Senato, una vittoria del MoVimento 5 Stelle dopo anni di battaglie, Forza Italia e Pd hanno abbandonato il Consiglio al momento del voto,” denunciano i pentastellati.

In un post della pagina Facebook del M5S Camera si legge:

“NON SI SMENTISCONO MAI
Mentre eliminavamo per sempre l’assurdo privilegio dei vitalizi, Forza Italia e Partito Democratico, indignati e offesi, hanno lasciato il Senato astenendosi dal voto!
OGGI I CITTADINI HANNO DEMOLITO LA VECCHIA POLITICA. MASSIMA CONDIVISIONE!”.

Loading...

Poco dopo il voto, i 5Stelle hanno scritto sempre su Facebook:

“CE L’ABBIAMO FATTA! ABBIAMO TAGLIATO I VITALIZI ANCHE AL SENATO
Promesso, detto e fatto. Abbiamo tagliato i vitalizi anche al Senato. È crollato un muro che separava la politica e le istituzioni dai cittadini. Abbiamo riportato a galla due valori che la vecchia politica aveva dimenticato: l’equità e la giustizia sociale.
Per quanto tempo la rabbia dei cittadini è rimasta inascoltata? Mentre le riforme delle pensioni si susseguivano, peggiorando sempre di più la condizione di chi ha lavorato una vita, i politici continuavano a incassare ricchi assegni per nulla giustificati dai contributi che avevano versato. Un privilegio che la politica si inventò agli albori della Repubblica e che finirà il 31 dicembre del 2018. Da gennaio questi signori incasseranno in base a quello che hanno versato. Funziona così per gli altri cittadini, quelli che non sono passati per qualche anno dai Palazzi di Camera e Senato. Sarà così anche per gli ex parlamentari.
Il Movimento 5 Stelle i privilegi li combatte e li cancella!”

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.