Ora al M5s piace l’uomo di Amazon (e pure renziano)

Roma – Jeff Bezos attende serenamente che il decreto «Negozi chiusi» di Gigino Di Maio faccia impennare i suoi profitti: la domenica, tutti chiusi a casa a fare shopping su Amazon.

Nell’attesa, i grillini chiedono che l’ex braccio destro di Bezos Diego Piacentini (nella foto, ndr), già vicepresidente di Amazon, resti a Palazzo Chigi con loro: il suo Team per la Trasformazione digitale, istituito dal governo Renzi e il cui mandato scadrebbe a metà settembre, verrà prorogato di un anno perché «il giudizio sul suo operato è positivo, ha raggiunto buoni risultati e dobbiamo confermarlo», ha spiegato il sottosegretario pentastellato alla Pubblica amministrazione Fantinati. Che si augura che Piacentini non torni in Usa ma resti al suo posto: «È una persona preparata, con un curriculum riconosciuto in tutto il mondo».

Che il curriculum di Piacentini sia impressionante, e che il suo lavoro per il governo sia stato positivo, è fuor di dubbio e confermato da più parti. Ma per i Cinque stelle si tratta di un vero testacoda, visto che all’epoca della sua nomina a commissario dell’Agenda digitale fecero fuoco e fiamme contro il premier Pd e chiesero l’immediata cacciata del manager «amico di Renzi», definito «un conflitto di interessi vivente» per i suo rapporti con Amazon: «È ovvio che Piacentini, nella sua posizione privilegiata all’interno del governo, conoscerà in anticipo tutte le scelte dei Renzi boys, comprese le informazioni da insider che riguardano anche i concorrenti di Amazon e che giungono all’orecchio di Palazzo Chigi, senza tralasciare le strategie fiscali che il Governo sta concordando in Europa», tuonò tal Zullo, eurodeputato M5s. I grillini tornarono alla carica contro Piacentini nel dicembre del 2016, dopo le dimissioni di Renzi: ora se ne vada anche lui e venga smantellato il suo team, chiesero a gran voce tutti i parlamentari grillini della Commissione Trasporti: «Dal suo insediamento nell’agosto scorso il commissario straordinario ha solo costituito una costosa struttura amministrativa. Ora, è evidente alla luce degli ultimi sviluppi, che quella struttura non ha più ragione di esistere». La stessa struttura che ora, dal governo, benedicono.

IL GIORNALE.IT

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.