Il “rivoluzionario” Dibba fa la capriola e benedice il patto con il Carroccio

Loading...

Notizia: Alessandro Di Battista sostiene il governo M5s-Lega. Almeno, se lo fa andare giù.

Perché «non c’era alternativa», dice in collegamento audiovideo dal Guatemala con la festa del Fatto a Marina di Pietrasanta (Lucca).

Il grillino dell’ala movimentista più vicina alla sinistra, dalle sue vacanze sudamericane ormai giunte al termine, fa la sua «Confessione» agli ospiti della Versiliana: con i dem non ci si poteva alleare, «il Pd non si è neanche posto il problema di mettersi al tavolo nostro, io dico grazieaddio perché è un partito morto». Dunque, bisognava trarre le conseguenze di opportunità, alla faccia delle differenze ideologiche: «Sostengo questo governo con la Lega – dice Dibba – anche perché se riandavamo al voto riprendevamo gli stessi voti con questa legge elettorale». Giocoforza, ha dovuto ricacciarsi in gola tutti gli insulti lanciati a Matteo Salvini, il diavolo leghista con il quale aveva garantito che mai si sarebbe accordato. E che ora invece è un «socio di minoranza». Lo dice per sottolineare che il peso elettorale è (o era) diverso. «Non leggo i sondaggi – sfotte – ma vedremo se la Lega sarà davvero al 30%…».

Dibba il sinistrorso alla fine abbraccia l’alleato di destra, ma il suo può diventare un abbraccio mortale. L’esuberanza politica di Salvini preoccupa il movimento perché mette in ombra l’altro vicepremier Luigi Di Maio e rastrella consensi anche nell’elettorato pentastellato, puntando a superare il M5s. Così, pare che l’ala guidata da Roberto Fico, con il ministro Barbara Lezzi e la vicepresidente del Senato Paola Taverna, prepari un ritorno di Di Battista proprio in chiave antiSalvini. Vorrebbero candidarlo alle europee per frenare la corsa della Lega e riposizionare il M5s a sinistra.

Loading...

Dibba parla a quella parte della base grillina insofferente verso la linea-Di Maio, che ritiene troppo schiacciata sulla Lega, soprattutto sull’immigrazione. «Non siamo subalterni», grida. Ma deve convincere i fans che a sinistra non ci si poteva buttare. «Se avessimo fatto un accordo di governo con il Pd, alcuni provvedimenti come il decreto dignità o l’abolizione dei vitalizi, non ci sarebbero stati».

Per giustificare il suo strano innamoramento per Salvini, deve trasferire sul Pd l’immagine del demonio, prima appioppata al Capitano leghista. «Anche in termini di immigrazione, il Pd ha fatto solo passerelle – dice Di Battista – ma non gliene frega niente dell’accoglienza. Nessuno è andato veramente a vedere come stanno queste persone».

Non che la politica sui migranti del ministro dell’Interno possa condividerla, Dibba, e infatti ci tiene a precisare: «Per il M5s l’Africa non vuole accoglienza, non vuole passerelle… Questa è la battaglia del M5s ed è una battaglia diversa nelle modalità e nei toni dalla Lega». Poi polemizza sull’inchiesta contro il titolare del Viminale: «Salvini si gioca la sua partita e la stampa lo attacca. Lo vedete come si atteggia, dice: Processatemi: Dice che rischia 20 anni di galera… Ma che rischia? Nulla».

Nega anche che il M5S si sia ammorbidito sulle grandi opere, Tap e Tav. «Quando uno fa campagna elettorale parla solo del proprio movimento, ma purtroppo non siamo al governo da soli, per cui bisognava fare per forza questo contratto. Ma è compito e dovere di una forza del 32% convincere il socio di minoranza». Ma il vero test per sapere se c’è una Lega «maroniana camuffata», avverte, sarà su statalizzazioni e concessioni. «La voglia di cambiare le cose della Lega si vedrà sulla revoca della concessione ad Autostrade. Sarà un momento storico». IL GIORNALE.IT

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.