Spiaggia sul Tevere, l’accordo del Comune di Roma con i rom per aprirla: la vergogna di Virginia Raggi

A controllare la nuova spiaggia di Roma sul Tevere non ci sono solo, come si potrebbe immaginare, gli agenti di polizia locale. A presidiare lo stabilimento Tiberis, sotto al ponte Marconi, ci sono i rom. Proprio quelli che all’epoca del cantiere furono allontanati.

“Ci siamo raccomandati a Zorro“, spiega al Messaggero, Simonetta De Ambris, una delle responsabili del progetto. Zorro è un capo di un gruppo di rom che vivono lì vicino al Tiberis, in vicolo Nicola Savini, e si è detto disponibile a “garantire” la sicurezza della spiaggia. A evitare che qualcuno possa rioccupare l’area: “Si è presentato quando stavamo facendo i lavori – racconta la De Ambris – ce ne hanno parlato come fosse il capo del campeggio. È venuto a vedere cosa facevamo nella sua area”.

E ora appunto la spiaggia la controlla lui. Ma “non ha chiesto soldi”, sottolinea la De Ambris. Insomma una sorta di tacito accordo tra i responsabili della spiaggia e i rom del quartiere: della serie, noi non vi diamo fastidio, voi ci date una mano…

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.