Salvini: ‘La Guardia Costiera Libica ha salvato e riportato a terra 611 immigrati’

Loading...

“La Guardia Costiera Libica nelle ultime ore ha salvato e riportato a terra 611 immigrati”.

Lo scrive su Facebook il ministro dell’Interno Matteo Salvini, aggiungendo che aggiunge:

“Le ONG protestano e gli scafisti perdono i loro affari? Bene, noi andiamo avanti così!”.

Salvini conclude con un P.S.:

“La Guardia Costiera Italiana non ha coordinato e partecipato a nessuna di queste operazioni, come falsamente dichiarato da una Ong straniera e da un parlamentare di sinistra male informato?.
#portichiusi e #cuoriaperti”.

Salvini fa riferimento alla notizia che “una nave battente bandiera italiana, la Asso 28, che presta servizio di supporto a una piattaforma petrolifera, ha soccorso un gommone con 108 persone a bordo, riportando poi i migranti in Libia,” riporta TgCom.

Loading...

L’esponente di LeU Nicola Fratoianni ha dichiarato in merito che se fosse confermato che il trasferimento a Tripoli è avvenuto su indicazione della guardia costiera italiana “si tratterebbe di un precedente gravissimo”.

Ieri il vicepremier ha condiviso sempre sul social network un articolo di Today.it che riporta i dati sugli sbarchi nel mese di luglio:

“Sono 18.314 i migranti sbarcati sulle coste italiane dal 1° gennaio al 27 luglio del 2018. Negli stessi mesi dell’anno precedente, il 2017, ne erano arrivati circa 95mila, mentre nel 2016 gli arrivi erano stati poco meno”.

Confrontando luglio 2018 con luglio di 2017 si è rilevato che “se nello stesso mese dello scorso anno in Italia sbarcarono oltre undicimila migranti, e l’anno prima addirittura 23.552, nel 2018 il numero è sceso a 1737 richiedenti asilo”.

Salvini ha commentato così questi dati:

“Rimediare ad anni di DISASTRI del Pd non è facile, ma sono contento del fatto che dopo appena tre mesi al governo si vedano già risultati.
Avevo promesso di difendere i confini, lo sto facendo con tutte le energie e i mezzi che mi sono possibili.”

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.