Il ministro Giulia Bongiorno zittisce i sinistri: “L’emergenza razzismo non esiste, l’allarme è l’immigrazione”

Loading...

Il ministro Giulia Bongiorno zittisce i sinistri e gli sciacalli buonisti: “L’unico allarme con cui fare i conti è il caos che nasce da scelte sbagliate di indiscriminata apertura delle porte a qualunque immigrazione” sbotta Giulia Bongiorno intervistata da La Repubblica. “Ne sono scaturiti singoli episodi di insofferenza e ostilità. Vanno condannati, ma senza inventare un genericoallarme razzismo che non esiste“. Esiste in Europa, secondo la Bongiorno, “chi respinge alla frontiera e chi difende i confini con le armi: è impossibile, con tutta la generosità e la sensibilità del mondo, che l’Italia si faccia carico da sola di undramma collettivo. La linea di rigore di Salvini ha generato un cambio di passo in Europa”.

Loading...

E sulla legittima difesa, suo cavallo di battaglia, il ministro insiste: “Io sono per il diritto di reazione: l’aggressione genera ansia e paura e chi viene aggredito deve avere un diritto di reazione ampio e incontestabile. Chiunque entra in casa altrui per rubare o uccidere accetta il rischio di questa reazione”. Detto questo, continua la Bongiorno, “nessuno vuole più armi o maggiore libertà nel loro uso: quindi, parlare di Far West è fuorviante. Bonafede ha le idee chiare sul tema”.

Bongiorno difende Salvini anche nella contestata nomina di Marcello Foa alla Rai, definito dal Pd sovranista e antifemminista: “Da che pulpito viene la predica… Fatelo lavorare e giudicatelo per quel che farà”. E sulla pubblica amministrazione: “Chi deve confrontarsi con la PA spesso ha troppi interlocutori, troppi uffici, troppe autorizzazioni da chiedere: tutto ciò nella migliore delle ipotesi esaspera, nella peggiore induce a cercare scorciatoie illecite. La mazzetta serve a oliare il meccanismo, dunque se si semplificano le procedure ci saranno anche meno mazzette”.

Con fonte Libero Quotidiano

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.