Prato, gruppetto di 30 italiani si scaglia contro i marocchini spacciatori: Presi a mazzate in testa

Loading...

PRATO – Un gruppo di italiani si ribella e reagisce alle prepotenze e le violenze dei nordafricani noti spacciatori di droga. In 30 li prendono a botte e li cacciano dalla piazza.

LA VICENDA

Protagonisti sono un gruppetto di nordafricani, conosciuti come spacciatori, e numerosi giovani italiani. I due gruppi sono venuti a contatto in due riprese tra l’una e le due: una prima volta tra piazza Mercatale e via Garibaldi. Poi in via Pugliesi davanti ad Ozne. Alla fine i carabinieri, intervenuti con numerose pattuglie, hanno bloccato e denunciato un siriano e un marocchino, che avevano danneggiato lo specchietto retrovisore della vettura di una giovane pratese, che aveva parcheggiato nei pressi del pub “Wallace”.
Tra i tanti testimoni dell’accaduto anche Silvia La Vita, consigliere comunale del Movimento 5 Stelle. “Abbiamo visto questi marocchini litigare con alcuni italiani – racconta -. Poi, quando tutto sembrava finito, gli stranieri sono venuti davanti ad Ozne in via Pugliesi e hanno rovesciato i bicchieri di birra che erano sui tavoli. Come a voler ribadire che sono loro a comandare. A quel punto non meno di 30 ragazzi italiani si sono scagliati contro i marocchini che sono scappati via a gambe levate”.

Loading...

Nel parapiglia sarebbero stati proprio gli stranieri ad avere la peggio, con alcuni di loro colpiti all testa. Due, come detto, quelli bloccati e identificati dai carabinieri.

“La morale della favola – conclude Silvia La vita – è che l’intolleranza è alla stelle. Gli italiani hanno inseguito i marocchini urlando: via di qui, noi non vi vogliamo. O le istituzioni decidono d’intervenire alla svelta o si rischia la tragedia”.

Fonte: www.tg-news24.com

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.