Giuseppe Conte, legittima difesa: “Non daremo incentivi a farsi giustizia da soli”

“Non daremo incentivi a farsi giustizia da soli, ad armarsi tutti o a sostituire la difesa delle forze dell’ordine con l’autodifesa personale”. Giuseppe Conte in una intervista a Il Fatto quotidiano si schiera contro la legittima difesa, cavallo di battaglia della Lega, tanto da essere inserita nel “contratto” di governo Lega-M5s: “Io personalmente ritengo che possedere un’arma e tirarla fuori esponga addirittura, in certe circostanze, a rischi maggiori”.

Il presidente del Consiglio spiega poi di aver sempre votato centrosinistra: “Non gioisco affatto per le difficoltà del Pd e della sinistra in generale. Un’opposizione forte aiuta i governi a sbagliare meno e li sprona a fare meglio” e sui rapporti coi due alleati spiega: “Faccio da ponte. Poi, non avendo problemi coi sondaggi, non bado alle percentuali di consenso personale.

Sulla questione immigrati, continua Conte, sarebbe necessario un “gabinetto o comitato di crisi sotto l’egida della Commissione Ue, che poi si faccia mediatrice con i governi” per la distribuzione dei migranti e la proposta è stata avanzata in una lettera inviata a Juncker e Tusk. Nessuno scontro con Matteo Salvini: “Parla per noi la nostra politica, finalizzata a ridurre le partenze e dunque i morti in mare. Se poi altri Paesi extraeuropei accetteranno di creare non hotspot ma centri di protezione per esaminare le richiesta d’asilo, i veri profughi potremo portarli direttamente noi, con corridoi umanitari, stroncando il traffico degli scafisti”

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.