Sbarco migranti a Pozzallo, Salvini: ‘Vittoria politica’

Loading...
Sbarco-migranti-a-Pozzallo

Sbarco migranti a Pozzallo, Matteo Salvini esulta per la vittoria politica del governo gialloverde.

Poco prima della mezzanotte è arrivata dal ministero degli Interni l’autorizzazione per lo sbarco nella città siciliana dei 450 migranti presenti a bordo della nave della Gdf e di quella di Frontex che attendevano l’OK da ieri.

L’Italia accoglierà 50 di questi 450 profughi, mentre i restanti saranno distribuiti tra i vari paesi europei che hanno dato la propria disponibilità ad accoglierli.

Palazzo Chigi afferma che “oggi per la prima volta potremo dire che sono sbarcati in Europa”.

Loading...

Matteo Salvini nella tarda serata di ieri ha scritto su Facebook che “dopo Francia, Germania e Malta, anche Spagna e Portogallo hanno accettato di accogliere parte degli immigrati presenti sulle navi al largo della Sicilia”. E ha commentato: “Bene, fermezza e coerenza pagano, è finito il tempo di governi complici e pavidi”.

“Il prossimo obiettivo però, per stroncare una volta per tutte la MAFIA del traffico di esseri umani, sarà RIACCOMPAGNARE gli immigrati dove sono partiti,” ha fatto sapere, ribadendo che “in Italia, e in Europa, entra solo chi ha il permesso”.

Domenica pomeriggio il premier Conte ha fatto sapere ai cittadini tramite Facebook che la Germania ha acconsentito ad accogliere altri 50 migranti.

“Al momento ci sono quindi 150 persone – su un totale di 450 migranti che erano diretti in Italia e che sono attualmente a bordo delle navi Frontex e della Guardia di Finanza – che saranno equamente distribuite in altri Paesi europei,” ha spiegato il presidente del Consiglio, che ha commentato:

“Questa è la solidarietà e la responsabilità che abbiamo sempre chiesto all’Europa e che ora, dopo i risultati ottenuti all’ultimo Consiglio europeo, stanno cominciando a diventare realtà”.

“Continuiamo su questa strada, con fermezza e nel rispetto dei diritti umani,” ha concluso.

 

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.