Matteo Salvini: riportiamo a Malta i migranti con una nave militare

La mossa è il passo successivo, inevitabile alla chiusura dei porti, quando ogni tentativo diplomatico finisce nel vuoto e quando gli altri Paesi continuano a sbattersene della questione migranti, lasciando solo il nostro Paese: prendere una nave militare e usarla per riportare indietro i migranti là da dove sono venuti. E’ questo il piano che il ministro dell’Interno Matteo Salvini intende mettere in atto per respingere i 450 africani che si trovano su un grosso barcone ormai prossimo a Linosa.

Doveva, ieri mattina, occuparsene Malta, visto che il natante si trovava nella sua zona di competenza. E le autorità de La Valletta, inizialmente, aveva pure annunciato il loro intervento. Poi, più niente per ore, finchè il barcone, a un certo punto, ha preso a far rotta verso l’Italia. A quel punto è scattato il “niet” di Salvini, che ha avvertito: qui non sbarcate, preannunciando una nuova chiusura dei porti italiani e in particolare di quello di Porto Empedocle, nell’agrigentino, dove l’imbarcazione pare diretta.

Poi, in tarda serata di ieri al Viminale, l’idea: trasbordare i 450 su una nave della Marina Militare Italiana e riportarli indietro, a Malta, dove avrebbero dovuto essere fatti sbarcare ormai 24 ore fa.

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.