Di Maio alle lobby del gioco d’azzardo: ‘Si mettano l’anima in pace: non cambiamo idea’

Loading...

Nuovo messaggio di Luigi di Maio alle lobby del gioco d’azzardo.

Il vicepresidente del Consiglio ha fatto sapere su Facebook che “i lobbisti del gioco d’azzardo affiliati a Confindustria vorrebbero sedersi al tavolo con me per convincermi a tornare sui miei passi e non vietare la pubblicità al gioco dell’azzardo”.

“Mi spiace per loro, – ha aggiunto – ma non cambio idea”.

Di Maio ha poi spiegato che il divieto di pubblicizzare il gioco d’azzardo è un “passo storico di grande valore culturale”.

“Sono convinto – ha proseguito – che non distruggerà il settore del gioco legale e per quanto riguarda gli investimenti pubblicitari semplicemente verranno sostituiti da quelli di altre industrie, come è avvenuto quando è stata vietata la pubblicità al tabacco”.

Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico si è anche detto disponibile a sedersi ad un tavolo, ma ad una condizione: che accanto a lui siano seduti anche i rappresentanti delle associazioni no slot, i familiari delle vittime dell’azzardopatia e a”ltri comitati che a vario titolo combattono questa piaga”.

Loading...

“Così capiranno anche loro perché un provvedimento di questo tipo sia assolutamente necessario”, ha aggiunto Di Maio.

“Per me -ha concluso – vengono prima i cittadini e la loro qualità di vita”.

E sul social network intanto arrivano vari messaggi di sostegno al leader 5Stelle:

“Grande Luigi, continua a lavorare e non badare alle lobby e alle sirene. Il canto delle sirene è ammaliante, ricordalo. Il divieto della pubblicità del gioco d’azzardo è una conquista di civiltà,” scrive un utente.

E un altro cittadino racconta: “ho lavorato in un bar affiancato a un tabacchi per qualche anno.
ogni giorno vedevo un via vai continuo di persone ( soprattutto anziani ) che BUTTAVANO ( perché non si può dire in altro modo ) tutti i loro soldi in slot o gratta e vinci, abbagliati da quello specchio per le allodole che può sembrare una vincita semplice.
questo divieto è il minimo, e primo passo per bloccare questa malattia.
grande Luigi Di Maio. continua cosi”

 

 

Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.