Mara Carfagna contro Tito Boeri: “Gli immigrati non salvano le pensioni”

Non si possono “sostituire le culle vuote con i barconi dei migranti”. Mara Carfagna contesta la convinzione del presidente Inps Tito Boeri che ritiene l’immigrazione necessaria al finanziamento del sistema pensionistico: “I temi dell’immigrazione e della natalità vanno separati, non sovrapposti come fa Boeri”, spiega in una intervista a Il Giornale. Poi certo c’è “una buona immigrazione che serve a molti settori economici, soprattutto nel Nord industriale, ma c’è anche una cattiva immigrazione che genera insicurezza, disagio, malaffare. In alcune realtà produttive, lo sfruttamento illegale degli immigrati tiene bassi i salari e impedisce l’emersione di buon lavoro per i disoccupati”

Decreto dignità – “Pessimo decreto, figlio di una visione ideologica del lavoro”, commenta la Carfagna. “È sbagliato penalizzare con aggravi burocratici e costi contributivi le aziende che intendono rinnovare contratti a termine. Ci si illude che assumerebbero di più a tempo indeterminato: è vero il contrario. Il precariato si combatte abbassando le tasse sui contratti a tempo indeterminato per renderli convenienti. Forse Di Maio preferisce la disoccupazione al lavoro, così può ancora far credere a qualcuno che si possa vivere di solo reddito di cittadinanza”.

Legge Fornero –  Secondo la vicepresidente della Camera la legge Fornero va superata: “Vanno individuate meglio le categorie più in sofferenza, i lavori più usuranti per i quali prevedere un’età di pensionamento più bassa. E questa esigenza va conciliata con le legittime aspirazioni dei giovani che temono di non arrivare mai alla pensione. Per finanziare le modifiche necessarie vanno tagliati i privilegi e le vere pensioni d’ oro, non solo quelle degli ex parlamentari”.

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.